Toukiden 2 – Recensione

Toukiden 2 risulta un buon passo avanti e nella giusta direzione per il brand di Omega Force; uno sviluppo più preciso ed al passo con i tempi avrebbe certamente giovato ulteriormente alla produzione, ma la direzione sembra ben chiara. Ora non resta che togliersi quell'alone di “Vorrei ma non posso essere Monste hunter” ed intraprendere un percorso proprio fino in fondo, e magari insidiare Capcom in un genere dove risulta completamente monopolista. In ogni caso l'esperienza di gioco risulta piacevole, se avrete la pazienza di superare le 4/5 noiosissime ore iniziali.

Dopo un esordio su PS Vita ed un porting di discreta fattura per PS4, arriva finalmente il secondo capitolo di Toukiden, titolo che prova ad insidiare il dominio di Monster Hunter, ora esclusiva Nintendo, provando però a variare le carte in tavola..

La serie di Hunting Games, nata con Monster Hunter, ha avuto diversi titoli che hanno provato a copiarne ed evolverne le dinamiche, tra le quali la recente serie di Omega Force, Toukiden. Nei due titoli precedenti gli sviluppatori avevano preso a modello il titolo Capcom, arrivando quasi al plagio, cambiando però l’obiettivo delle nostre cacce. L‘ambientazione si rifà al periodo medievale giapponese, con i nostri eroi che affrontano gli Oni, manifestazioni “demoniache” che minacciano la specie umana. Strutturalmente si manteneva l’organizzazione a piccole stanze dei vari MH, con aree più ampie dove affrontare i nemici collegate le une alle altre da corridoi dove si potevano raccogliere risorse per il nostro personaggio. In questo secondo capitolo le cose sono state svecchiate e modernizzate, proponendo il medesimo periodo storico affiancato ad un open world popolato sia da alleati e piccoli villaggi, sia dagli onnipresenti Oni.
Le dinamiche di gioco si rifanno ai capitoli precedenti, coadivuando e fondendo elementi da Hunting Game a elementi ruolistici e ad un crafting piuttosto marcato, sopratutto se si vuole potenziare a dovere il nostro equipaggiamento.
La trama ci vede nei panni del nostro eroe, un cacciatore esperto, che sta difendendo le coste di una Fukushima medievale assaltata da una legione nemica, zona che funge da tutorial, ma, una volta giunti al confronto con il leader nemico, accade qualcosa…Ci risvegliamo 10 anni dopo in una zona diametralmente opposta a quella in cui ci trovavamo, dispersi in un piccolo villaggio, dove le nostre avventure cominceranno a dipanarsi e dove avremo modo di fare la conoscenza con alcune piccole innovazioni, prima fra tutte un guanto realizzato con il potere degli Oni che fa un po il verso all’abilità di Nero di DMC4.

La struttura del titolo richiama gli stilemi degli open world moderni, con diversi punti di appoggio dove poter riposare e ripararsi dai nemici, spesso rappresentati da villaggi e agglomerati. Dopo un inizio non esaltante e fin troppo prolisso, potremo finalmente prendere parte all’esplorazione del mondo di gioco, che purtroppo risulta un po’ spoglio e sicuramente non ai livelli delle produzioni moderne, colpa anche di uno sviluppo su Cross Platform tra PS Vita, PS3 e PS4.
Il sistema di combatimento si rifà all’onnipresente Monster Hunter, dove dovremo prestare attenzione sia ai danni subiti ma anche alla stamina che utilizzeremo per sferrare i nostri fendenti e portare a segno gli attacchi. I nemici risultano mediamente coriacei, difficilmente ci troveremo a combatterli in solitaria ma saremo spesso accompagnati da NPC che ci daranno man forte. Ogni villaggio poi propone una propria serie di incarichi secondari e primari che ci permetteranno di accedere a cacce particolari o alla raccolta di dereminati oggetti, piuttosto che all’avanzamento del nostro personaggio o della trama.
Il sistema di sviluppo risulta intuitivo e meno oneroso in termini di tempo e risorse rispetto a quanto abbiamo visto nei titoli simili, probabilmente in funzione di una maggiore fruibilità.
Ottimo il comparto armi, che si fregia di una mole non indifferente di strumenti di morte, passando dalle classiche spade, lance, e così via, a fucili, archi, mazze di dimensioni esagerate ed altre ancora, ognuna con un buon numero di variabili appartenenti alla propria categoria di appartenenza e potenziabili grazie ai materiali ottenuti dall’esplorazione.
Una delle note dolenti del titolo è proprio l’esplorazione, che purtroppo si svolge in un mondo di gioco statico e spoglio, con alcuni limiti che non sono più tollerabili nell’attuale panorama videoludico, come muri invisibili, o piccoli massi che ci impediscono il passaggio pur essendo alti qualche centimetro. Le attività da svolgere se non si è in missione risultano essere veramente ridotte e le stesse missioni tendono ad assomigliarsi un po’ tutte.

Dicevamo che il titolo ha dovuto fare i conti con uno sviluppo su più piattaforme e lo scotto da pagare è principalmente quello relativo al versante tecnico. Il design tutto sommato è ben più che accettabile, fondendo medioevo giapponese a strutture meccaniche di varia natura, unite ad un ottimo design dei nemici, che risultano ben disegnati, caratterizzati ed animati, quasi ad essere loro stessi il centro dell’esperienza di gioco, insieme alle armi a nostra disposizione, realizzate con altrettanta cura.
Purtroppo la mole poligonale e le texture che ricoprono gli ambienti non si possono minimamente avvicinare agli standard attuali e neanche alle vette viste su scorsa generazione, ma regalano ugualmente un buon impatto d’insieme, merito di un effettistica e di un design tutto sommato azzeccato.
La staticita ambientale ed i limiti che citavamo poco più su, però, penalizzano anch’essi il quadro complessivo, che unito a qualche sporadico calo di framerate non regala certo una buona sensazione d’insieme.
Buone invece le musiche, gli effetti sonori ed il doppiaggio, rigorosamente in Giapponese e senza sottotitoli in italiano.

GUIDE TROFEI

FIFA 20 – Guida ai trofei

Come ogni anno, ecco tornare sulle nostre amate console la nuova simulazione calcistica prodotta e distribuita da Electronic Arts. Fifa 20 presenta una lista composta...

Call of Duty: Modern Warfare – Guida Trofei

Prodotto da Infinity Ward e distribuito da Activision, arriva sulle nostre amate console il nuovissimo Call of Duty: Modern Warfare. Uno dei capostipiti dello...

MediEvil – Guida Trofei

Dopo un paio d'anni dal primo teaser, è finalmente tornato sui nostri schermi MediEvil, storico brand nato sulla mai dimenticata PlayStation 1! Gallowmere è...

Concrete Genie – Guida Trofei

Prodotto da PixelOpus e distribuito da Sony Interactive Entertainment, arriva finalmente sulle nostre PlayStation 4 Concrete Genie! Nuova IP esclusiva per console Sony, Concrete...

Tom Clancy’s Ghost Recon Breakpoint – Guida Trofei

Benvenuti nella nostra guida ai trofei dedicata a Tom Clancy's Ghost Recon Breakpoint, nuovo titolo della fortunata serie Ghost Recon, di casa Ubisoft, disponibile...
Loris "Asmodeus_Psycho" Mattiolo
Da sempre appassionato di Videogames ed affini, ha iniziato a giocare sull'ormai lontano Commodore 64 con mangiacassetta, passando poi per le varie console SEGA e Nintendo, approdando infine sulle console più recenti. Ama il buon gaming, i titoli single player, gli shooter e gli RPG, ma non disdegna nemmeno gli altri generi, purchè sempre strutturati attorno a delle trame coinvolgenti e che sviluppino principalmente il Single Player. Poco avvezzo al multiplayer per natura, con le dovute esclusioni, ed ancora estremo sostenitore dello Split Screen e delle partite tra amici.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome