South Park: Scontri Di-Retti – Recensione

South Park: Scontri Di-retti si è dimostrato un degno seguito de Il Bastone della Verità. Il divertimento è assicurato grazie al suo humor inconfondibile che fortunatamente non è stato ridimensionato dalla censura. Tutto viene preso dal precedente capitolo e migliorato, con aggiunte che esaltano l'esperienza di gioco e che la rendono ancor più perfetta in termini di gameplay. Abbiamo riscontrato la presenza di qualche piccolo bug ed alcune imperfezioni nelle animazioni, ma nulla che va ad influire pesantemente sul titolo. Tirate le somme, questo titolo Ubisoft è sicuramente valido se preso con un occhio oggettivo ed è straconsigliato sia per tutti gli amanti della serie e sia per chi apprezza questo tipo di umorismo; se invece non digerite la battute tipiche dell'opera di Trey Parker e Matt Stone vi consigliamo caldamente di lasciarlo sulla scaffale.

Tante sono le serie animate che hanno spopolato in TV ed alcune di queste fanno della loro forza un humor che potrebbe esser mal visto, sia per gli argomenti trattati che per il linguaggio ed il modo con cui vengono esposti. South Park è una di queste, e forse la serie uscita dalle mani di Trey Parker e Matt Stone è tra quelle che sin’ora ha destato più scandalo rispetto alle altre, proprio per la sua sfacciataggine e la sua irriverenza nei confronti di tanti argomenti delicati.
Nonostante questo, grazie ad Ubisoft le avventure di Kenny ed i suoi amici sono riuscite ad arrivare anche su Console e, ovviamente, il tutto ha dovuto percorrere una serie di ostacoli attraverso la censura.
Dopo aver apprezzato Il Bastone della Verità, primo capitolo per le moderne console, arriva con un po’ di ritardo South Park: Scontri Di-Retti. Questo seguito ha il compito di eguagliare o superare la qualità del precedete episodio uscito su PlayStation 3 ed arriva per stupirci ancora una volta con una storia sopra le righe, accompagnata da un gameplay che presenta tante novità. Nella nostra recensione vi spieghiamo perchè se non lo giocherete siete dei figli di sultana!South Park: Scontri Di-Retti

La nostra recensione di South Park: Scontri Di-Retti

La storia di South Park: Scontri Di-Retti riprende lo stile già visto ne Il Bastone della Verità: un susseguirsi di eventi decisamente fuori dal comune portano a far degenerare la situazione e, di conseguenza, i nostri amici si ritrovano a dover affrontare situazioni assurde. La trama è condita da tanti elementi razzisti, politicamente scorretti e poco rispettosi, il tutto raccontanto con quel pizzico di volgarità a cui la serie animata ci ha abituato da tempo.
Ovviamente in questa recensione eviteremo ogni tipo di spoiler, ma vi raccontiamo comunque le linee guida della trama. Vestiamo nuovamente i panni del Novellino che, insieme ad un gruppo di “eroi”, deve combattere i criminali della città. Combattere i cattivi ed ottenere quindi successo e popolarità è lo scopo del gruppo degli intrepidi amici, che non passano inosservati nelle loro azioni utili a debellare il male. Il filone narrativo non si discota minimamente da questo obiettivo finale e quindi non rappresenta nulla di originale, ma com’è facile aspettarsi da questo titolo ciò che ci cattura sono le situazioni assurde che si creano intorno alla trama, raccontate con la canonica volgarità della serie che si affianca a battute sessuali, razziste, religiose e di tanti altri argomenti decisamente poco comuni se raccontati in questi termini. Ovviamente non tutti condividono il modo di “scherzare” di South Park, ed infatti quasto titolo videoludico è indicato ad una fetta ben precisa di videogiocatori; gli altri, se prendono troppo sul serio le battute proposte, potrebbero anche offendersi.South Park: Scontri Di-Retti

Nonostante questo, mettendo da parte il nostro essere appassionati o meno della serie, la storia di South Park: Scontri Di-Retti ci è piaciuta molto e i fan più sfegatati noteranno sicuramente i tanti riferimenti che riportano direttamente alla serie animata.

Scoregge, sesso, razzismo e tutto ciò che non volete vedere e sentire in un videogame

Il gameplay di South-Park: Scontri Di-Retti ha dalla sua l’ottima base di partenza che abbiamo potuto giocare ne Il Bastone della Verità. La formula proposta è infatti la stessa, ma il team di sviluppo ha cercato di migliorare il tutto introducendo alcune novità. I combattimenti mantengono lo standard divertente del precedente capitolo e si svolgono in zona rettangolari delimitate e divise in quadranti, su cui è possibile muoversi liberamente rispettando però un limite numerico ben preciso di caselle, proprio come accade nei GDR (ad esempio Final Fantasy Tactics). Per avere la meglio sui nostri avversari abbiamo a disposizione diverse abilità speciali, effetti di status (sia positivi che negativi e che possono essere applicati anche ai nostri personaggi), colpi critici ed altro ancora.
Insomma, a tutti gli effetti questo nuovo capitolo videoludico di South Park si può definire un GDR a turni e la struttura realizzata dal team di sviluppo funziona alla grande. Come ogni GDR che si rispetti, anche in Scontri Di-Retti è necessaria una buona dose di strategia: conoscere ogni personaggio per sfruttare al meglio i suoi punti forti è di fondamentale importanza per avere la meglio. Ovviamente, inutile dirlo, anche molto di quello che avviene nei combattimenti rientra nella sfera del volgare.

South Park: Scontri Di-Retti

Le aree in cui si svolgono le battaglie non sono molto vaste ma vi possiamo assicurare che nei combattimenti è necessario tenere conto dei movimenti di tutti i personaggi, soprattutto quando ci ritroviamo ad affrontare battaglie più affollate, ossia 4vs4. Inoltre, il team di sviluppo ha previsto diversi gradi di difficoltà da seleziona ad inizio partita, che come vi abbiamo anticipato tempo fa in una news dipende dal colore della pelle scelto per il nostro personaggio; questa scelta ovviamente permette al titolo di essere godibile per ogni videogiocatore, da chi ha voglia di giocare la semplice trama a chi invece è più pratico e vuole imbattersi in combattimenti più ostici.

Tira il dito!

Per le nostre azioni quotidiane in-game, ossia cambiare costume, viaggiare per la città, gestire il party e molto altro, abbiamo a disposizione uno smartphone, una soluzione pratica e funzionale che dopo pochissimo tempo abbiamo apprezzato particolarmente, grazie anche al suo essere quel qualcosa in più rispetto ai classici menu di gioco.South Park: Scontri Di-RettiSouth Park ha da sempre uno stile grafico inconfondibile e in Scontri Di-Retti viene utilizzato lo stesso tipo di disegno che troviamo nella serie animata. Personaggi, ambientazioni e tutto ciò che è a schermo riprende di sana pianta la palette cromatica e lo stile di quanto già conosciamo. Tutto è scorrevole, anche se a volte qualche animazione ci è sembrata poco curata e abbiamo riscontrato la presenza di alcuni bug; nulla di fastidioso e che non si possa sistemare con una semplice patch insieme ai caricamenti, non esageratamente lunghi ma sarebbe apprezzato un miglioramento anche in tal senso.
Le mappe di gioco sono dettagliate e abbastanza vaste, fatta eccezione per qualche area ristretta che riduce la libertà di movimento e di esplorazione.
Le voci originali italiane hanno doppiato i personaggi di questo titolo, una scelta degli sviluppatori che abbiamo apprezzato particolarmente.

GUIDE TROFEI

Little Big Workshop – Recensione

Da amante di strategici e simulativi, ho sempre apprezzato la complessità del proporre sfide organizzative ai giocatori. Passando tra moltissimi esponenti del genere, da...

Space Crew – Recensione

Siamo in un periodo decisamente impegnativo in qualità di videogiocatori. Il mese di ottobre è solito mettere sul piatto una miriade di videogiochi, le...
Antonio Loparco
Antonio Loparcohttps://www.playstationzone.it
Videogiocatore sin da piccolo, ho iniziato ad addentrarmi nel mondo videoludico con Amiga600. Pian piano ho provato varie piattaforme fino all'acquisto della prima PlayStation che è rimasta da sempre la mia console preferita.

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome