F1 2017 – Recensione

F1 2017 si conferma come uno dei migliori titoli di sempre dedicati alla competizione automobilistica più famosa al mondo. I miglioramenti rispetto alla passata edizione sono pochi ma sicuramente tangibili. Il titolo risulta ancora estremamente scalabile e divertente sia per i pro che i neofiti del genere, grazie alle numerose opzioni di personalizzazione e aiuti vari. Un gioco che conta numerose modalità e un comparto tecnico degno di nota, seppur con qualche difetto di troppo nell'IA e nelle collisioni. Se amate la Formula 1, fate vostro il titolo di Codemasters senza pensarci due volte.

F1 2017 è finalmente disponibile su PlayStation 4 e con esso arriva anche la nostra recensione. Dopo una versione 2016 che ci aveva convinto con poche riserve, ci aspettavamo grandi cose da F1 2017 e dopo qualche giorno di test intensiv, siamo qui per parlarvene, grazie ad una copia fornitaci dal distributore Koch Media. Buona lettura!

F1 2017

Se già avevamo elogiato F1 2016 per il netto miglioramento contenutistico e qualitativo rispetto al predecessore, Codemasters si è ulteriormente superata con quest’ultima uscita in ambito Formula 1. Il fulcro di F1 2017 è naturalmente la modalità Carriera, che risulta ancora più rifinita dell’ottima controparte del precedente capitolo.
Dopo aver creato il nostro alter ego (nel nostro caso abbiamo proceduto all’importazione dai salvataggi della versione 2016), siamo subito partiti in quinta. Scelto il team ed impostata la difficoltà e tutta una serie di settaggi, abbiamo firmato il nostro primo contratto e ci siamo trovati in pista.
La carriera si svolge grossomodo come ce la aspettavamo e per avere sempre più successo il nostro compito è ottenere risultati sempre migliori per farci notare dal team ed ottenere contratti sempre migliori. Guidare bene ci permette di ottenere punti sviluppo utili a migliorare la macchina ed essere più competitivi in pista. Come prevedibile, gli altri team possono notare le nostre performance, proponendoci contratti più vantaggiosi.
Per arricchire questa modalità, è stata introdotta la possibilità di affrontare alcuni eventi speciali ai quali siamo invitati. Nulla di trascendentale, sia inteso, ma ci hanno permesso di variare di quel poco che basta il tutto. In F1 2017 sono infatti presenti una serie di vetture storiche dei vecchi campionati e ci viene proprio dato modo di guidarle in questi frangenti per guadagnare popolarità.
Le altre modalità includono il più classico Campionato, le immancabili Prove a Tempo e la possibilità di affrontare le singole piste a piacimento. E sì, anche utilizzando le vetture classiche citate poco sopra. Ma non solo, il titolo contiene anche alcune simpatiche varianti, come la possibilità di affrontare playlist di gare con regole impostate a piacimento e via dicendo.
Le novità non sono così rilevanti come ci saremmo aspettati, sia inteso, ma è stata consolidata la già brillante formula dell’edizione passata. È naturalmente possibile disputare gare e campionati online con amici e non, mentre spiace ancora per la mancanza del tanto desiderato split-screen.

F1 2017

Non ci sarebbe molto da dire sul gameplay di F1 2017, visto che non si discosta molto da quanto visto nella precedente produzione. Il racing di casa Codemasters si conferma nuovamente come un titolo scalabile e quindi adatto sia ai neofiti che ai “pro”, godibile sia con il pad che con il volante. Questo è possibile grazie a una serie di settaggi e aiuti disponibili nei pratici menu di gioco.
Esattamente come in F1 2016, è infatti possibile settare aiuti come la frenata e lo sterzo assistiti, i danni, facilitazioni per l’ingresso e la ripartenza dai box e via di questo passo. Anche la telecamera è completamente personalizzabile per ogni esigenza, così come la difficoltà dell’intelligenza artificiale.
A proposito di IA, questa risulta migliorata e sicuramente più combattiva rispetto alla scorsa edizione ma abbiamo notato che, anche al minimo livello di difficoltà, risulta essere leggermente sbilanciata verso l’alto. Nulla che possa impensierirci visto che, con la giusta dose di pratica, è tranquillamente gestibile.
Tolte le piccole “imperfezioni” dell’IA, abbiamo amato il gameplay di F1 2017. Sicuramente esistono ulteriori margini di miglioramento da apportare nella prossima reincarnazione della serie, ma non ci possiamo lamentare di quanto visto.

F1 2017

Abbiamo testato F1 2017 sulla versione “base” di PlayStation 4, con buoni risultati. I modelli delle auto risultano ancora più dettagliati della controparte uscita lo scorso anno, stesso discorso riguarda le piste. Un anno fa avevamo elogiato gli effetti visivi, che confermiamo essere ancora di pregevole qualità. Confermiamo anche la non eccelsa qualità della fisica, che non rende in modo troppo realistico le collisioni.
Al solito, i modelli e le animazioni dei piloti nei briefing non sono al top, anche se abbiamo notato quantomeno un leggero miglioramento. Il titolo regge ancora tranquillamente i 60 fps con poche incertezze, mentre il tearing, seppur ancora presente, è stato ulteriormente ridotto. Insomma, approviamo il lavoro di ottimizzazione del motore posto in essere dal team di sviluppo.
Sempre riferendoci alla scorsa versione, è stata mantenuta l’alta qualità dei campionamenti dei rombi dei motori. Anche se lontani dalla perfezione, abbiamo constatato anche un netto miglioramento della telecronaca e delle comunicazioni dai box entrambi localizzati in italiano.

GUIDE TROFEI

Little Big Workshop – Recensione

Da amante di strategici e simulativi, ho sempre apprezzato la complessità del proporre sfide organizzative ai giocatori. Passando tra moltissimi esponenti del genere, da...

Space Crew – Recensione

Siamo in un periodo decisamente impegnativo in qualità di videogiocatori. Il mese di ottobre è solito mettere sul piatto una miriade di videogiochi, le...
Davide Begni
Davide Begnihttps://www.playstationzone.it
Appassionato di console Sony, ha un debole per Sonic e per la saga di Metal Gear, ma in generale non disdegna nessun genere, eccezion fatta per la maggior parte dei giochi di ruolo e titoli sportivi. La sua carriera videoludica inizia a cavallo tra gli anni '80 e '90 su Master System e Game Boy, andando a toccare tutte le console casalinghe e portatili prodotte da Sega e Nintendo fino alla prima metà degli anni '90. È passato al lato oscuro di Sony grazie alla prima PlayStation, brand a cui si è affezionato da allora fino ai giorni nostri, pur avendo avuto delle piccole parentesi dedicate al mondo PC e ad altre console. Non ditelo in giro, ma ha un'insana devozione per il Mega Drive, console che spesso e volentieri ricollega alla TV in memoria dei vecchi tempi.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome