Call of Duty 4: Modern Warfare Remastered – Recensione

Call of Duty 4: Modern Warfare Remastered è senza ombra di dubbio una delle ristrutturazioni videoludiche meglio realizzate finora. Amare la serie CoD o il genere degli FPS è senza ombra di dubbio un requisito minimo per poter giocare e godere di questa piccola perla del passato che torna in grande stile, ma sinceramente ci teniamo a consigliare questo quarto capitolo della serie Activision a tutto il pubblico videoludico. Dopo ben nove anni dal suo lancio riesce infatti a catturare ancora l'attenzione e può tranquillamente mettersi alla pari di tante produzioni attuali. La nostalgia si fa sentire per chi ha ricordi di questo prodotto e il ritorno al passato fa vedere come la semplicità è stata a suo tempo l'arma vincente per avere un risultato finale sopra la media. Chissà se Infinity Ward prenderà spunto da questa considerazione per valutare un ritorno al passato, capendo che la continua innovazione non è sempre ben accolta dal pubblico.

Call of Duty è un brand più che conosciuto tra i videogiocatori e si è andato ad affermare sempre di più nel tempo. Tra i capostipiti della serie, anzi forse il più apprezzato tra tutti, c’è Modern Warfare che ha catturato una quantità di pubblico senza paragoni grazie ad una narrazione ben strutturata e ricca di colpi di scena e, soprattutto, ad un gameplay e ad un comparto multiplayer innovativo e frenetico quanto basta per divertire in modo spassionato.
Per questo motivo, in concomitanza con l’uscita di CoD: Infinite Warfare, Infinity Ward ha deciso di piazzare sul mercato Call of Duty 4: Modern Warfare Remastered per riproporre questa chicca del 2007 con una nuova veste grafica. Certo con il passare degli anni la serie si è evoluta ed ha raggiunto livelli di giocabilità più elevati rispetto al passato, ma soprattutto chi ha avuto modo di giocare questo titolo apprezzerà la scelta di rivalorizzarlo sulle console di nuovissima generazione.

Modern Warfare RemasteredRimasterizzato a dovere!
Siamo sinceri, per apprezzare il lavoro svolto in questa ristrutturazione bisogna per forza di cose aver giocato il titolo originale uscito nove anni fa. Chi rientra tra queste persone rimarrà infatti colpito nel vedere come un prodotto così datato è riuscito a rinascere grazie ad un lavoro fatto a regola d’arte, tanto da rendere questa Remastered una delle più riuscite dal punto di vista tecnico.
La prassi ormai è sempre la stessa: risoluzione portata a 1080p, texture migliorate, framerate più fluido a 60fps granitici (anche per quanto riguarda il multiplayer) e in questo caso si parte per affrontare un’avvetura che pad alla mano potreste già conoscere, ma ai vostri occhi sembrerà di essere di fronte ad un prodotto totalmente nuovo.
I ragazzi di Raven Software, autori del restauro di Modern Warfare Remastered, hanno infatti fatto un lavoro strepitoso sotto ogni punto di vista, con tanto di effettistica ricreata di sana pianta, animazioni rese più credibili e motore fisico ritoccato per dare quel senso di realismo in più, il tutto per un risultato finale che riesce ad accostarsi senza troppi problemi ai titoli più attuali.

Modern Warfare RemasteredUn piacevole passato rinnovato
La struttura di gioco di Modern Warfare, come vi abbiamo detto poco sopra, ha portato a suo tempo una ventata di freschezza nel genere FPS e negli anni è stata la base dei capitoli che sono venuti dopo, man mano migliorati e resi sempre più appetibili.
Iniziando a giocare avrete infatti una sensazione di “passo indietro”, un feeling strano con questo Modern Warfare Remastered. Pian piano però ci si fa l’abitudine e ci si rende conto che la giocabilità è decisamente piacevole, complice anche la campagna single player che risulta essere ancora oggi una delle più belle mai viste in questo genere vidoludico, mettendo a tacere anche il più recente Infinite Warfare.
Il comparto multiplayer è stata l’altra chicca dei suoi tempi, e in questa Remastered ci vengono riproposte le stesse mappe (sedici in totale) completamente ritoccate in ogni minimo dettaglio. Chi si affaccia per la prima volta su questo titolo noterà il ritmo leggermente più lento rispetto agli ultimi CoD usciti, un effetto dovuto soprattutto al fatto che qui si combatte con i piedi per terra, niente jetpack, niente scivolate…qui solo colpi roventi, tanto esplosivo ed una buona dose di scaltrezza nell’anticipare il nemico e farlo fuori.

GUIDE TROFEI

Little Big Workshop – Recensione

Da amante di strategici e simulativi, ho sempre apprezzato la complessità del proporre sfide organizzative ai giocatori. Passando tra moltissimi esponenti del genere, da...

Space Crew – Recensione

Siamo in un periodo decisamente impegnativo in qualità di videogiocatori. Il mese di ottobre è solito mettere sul piatto una miriade di videogiochi, le...
Antonio Loparco
Antonio Loparcohttps://www.playstationzone.it
Videogiocatore sin da piccolo, ho iniziato ad addentrarmi nel mondo videoludico con Amiga600. Pian piano ho provato varie piattaforme fino all'acquisto della prima PlayStation che è rimasta da sempre la mia console preferita.

3 Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome