Street Fighter X Tekken – Recensione

Piattaforma:
Genere:
PlayStation Move:
Compatibilità 3D:
Sviluppato:
Distribuito:
Pubblicato:
Data Rilascio:
PEGI:
Giocatori:
Versione:
Sito Ufficiale
PS3, PS Vita, Xbox360, PC
Picchiaduro
No
No
Capcom
Halifax
Capcom/Namco
9 marzo 2012
16+
2
PAL

Dopo Mortal Kombat e Ultimate Marvel vs Capcom 3, il 2012 viene stravolto da un nuovissimo picchiaduro del tutto originale, Street Fighter X Tekken, che vede coinvolti per la prima volta i personaggi delle due serie più amate dagli appassionati di questo genere.
Il mettere insieme i lottatori di Capcom e di Namco è un’idea del tutto nuova, ma che ha comportato anche una dura sfida per i creatori del gioco.  La Capcom ha dovuto realizzare un picchiaduro che fosse accessibile a tutti. I giocatori che prediligono questo genere sono principalmente coloro che vogliono solamente svagare la mente, ma la vastità del pubblico può essere divisa in varie sottocategorie:  coloro che sono abituati ad un sistema di combattimento complicato e amano cimentarsi nelle più svariate combinazioni, coloro che si lasciano guidare soltanto dall’intuizione, e infine coloro che amano giocare schiacciando quanti più tasti è possibile sul pad, i quali, guidati dalla cosiddetta “fortuna del principiante”, presentano sempre una minaccia per i giocatori più esperti.

In ricordo del vecchio cabinato
I fan di Street Fighter si ritroveranno sin dal primo combattimento a loro agio, poiché il gioco è strutturato analogamente ai primi capitoli della serie.  Le combinazioni, i giri a 360° dell’analogico, la suddivisione dei pugni e calci e tre diverse categorie (debole,  medio e forte) sono sempre presenti, ed infatti Capcom ha sempre concepito il pad per console come una miniatura della tastiera di un cabinato, tipico delle sale giochi.  Per aumentare la giocabilità e la varietà di combo sono state inserite nuove combinazioni di mosse da utilizzare soprattutto in squadra. Infatti nella modalità SFxT è possibile giocare in coppia, dove ogni personaggio ha un proprio partner prestabilito, ed è possibile alternare i due combattenti o addirittura vederli in azione contemporaneamente.

Gli attacchi aggiuntivi
Street Fighter X Tekken presenta molte novità che permettono ai players di aumentare il loro divertimento fino alle stelle. Oltre alla barra di energia, ogni personaggio dispone di una Cross Gauge, che si riempirà in base ai colpi sferrati e a quelli subiti.  Una  volta piena, questa seconda barra consentirà di giocare una tecnica speciale che verrà sempre anticipata da un originale e breve filmato, e che metterà in risalto l’abilità del personaggio. Se non si sarà ancora pienamente soddisfatti si potrà utilizzare la Cross Gauge, azionando una Super Art, ovvero una combo sferrata dai due personaggi contemporaneamente. Per rendere il combattimento ancora più coinvolgente ed entusiasmate, gli sviluppatori hanno pensato di inserire un ulteriore attacco combinato, ovvero il Cross  Assault, che permetterà di richiamare il proprio partner durante la battaglia che, guidato dal computer, inizierà a colpire l’avversario con due combo diverse.

Una semplice giocabilità
Già dopo qualche combattimento il giocatore inizierà a prendere dimestichezza con la giocabilità e si renderà conto che non comporta notevoli sforzi, come movimenti delle dita alla velocità della luce. Per semplificare agli esperti di Tekken di combattere contro gli amanti di Street Fighter (abituati ad una giocabilità più complessa) sono state pensate delle combo realizzabili tramite singoli tasti come L1, L2, R1, R2, L3 e R3, in modo da soddisfare sin dall’inizio anche chi si trova per la prima volta alle prese con i combattimenti complessi tipici della serie Capcom. La software house, oltre ad aver ripreso le varie caratteristiche dei personaggi di Tekken ed averle adattate allo stile di Street Fighter, ha scelto di aggiungere alle combinazioni standard altre semplificate che permetteranno di eseguire anche gli attacchi più complicati con estrema facilità.

Un aspetto fondamentale: il Gem System
Una particolare originalità del gioco la riscontriamo nel  nuovo Gem System, presentato e descritto già da prima che uscisse il titolo nei negozi. Questo sistema consente di potenziare il personaggio mediante l’acquisizione di gemme durante i combattimenti. Più gemme si accumuleranno e più il nostro personaggio diventerà forte, imparerà nuove combinazioni e diventerà più veloce. Queste gemme si dividono in due categorie: BOOST e ASSIST. Le prime si attiveranno dopo aver ricevuto o inflitto un determinato numero di colpi e permetteranno di aumentare la difesa, la percentuale dei danni inferti o di recuperare salute. Le seconde invece, attive fin dall’inizio, avranno il compito di ridurre la propria barra cross e consentiranno di semplificare le proprie mosse agevolando soprattutto i giocatori principianti.

Per imparare a giocare…
In Street Fighter x Tekken, come abbiamo già sottolineato, la prima cosa che salta all’occhio sono le diverse varianti di combo e  attacchi speciali, che sono aumentate di gran numero rispetto ai titoli precedenti.
Da ciò ne deriva una maggiore complessità della giocabilità, per cui sono state pensate modalità di gioco in cui si possono studiare le mosse e ci si può allenare per riuscire ad avere una certa dimestichezza con i personaggi. La modalità Allenamento consente di combattere contro un manichino e si può decidere se fargli subire passivamente ogni  attacco o farlo controllare dalla CPU. A questa prima modalità se ne aggiunge una seconda, Sfida, che permette di scegliere tra tre diverse opzioni: la prima è Prova, che consente ai giocatori di partecipare a delle lezioni, il cui scopo sarà quello di far padroneggiare in modo perfetto ogni singola mossa del personaggio scelto. La seconda è Tutorial, che permette di imparare gli attacchi base, nei panni di Ryu  e Ken. La terza, una sottocategoria della modalità Sfida, chiamata Missioni, consente di combattere seguendo le istruzioni sullo schermo, in questo modo si potranno apprendere le varie combo attraverso dei brevi combattimenti.
Nella  modalità Versus ci si potrà scontrare amichevolmente contro i propri amici o contro il computer. Sarà possibile coinvolgere fino ad un massimo di quattro giocatori, e creare delle squadre da due per divertirsi con i propri amici.

Il gioco online
Un punto di forza di questo picchiaduro è la modalità multiplayer online, in cui ci si potrà scontrare con persone di tutto il mondo e ricercare di volta in volta un avversario al proprio livello di combattimento. Al termine di ogni scontro si riceveranno dei punti, e man mano che affronteremo nuove battaglie il nostro personaggio salirà di livello e diventerà più potente. Questi punti costituiranno una sorta di biglietto da visita per presentarsi al player che si troverà dall’altro lato del mondo.
Inoltre la Capcom ha pensato di rendere  disponibili ai combattimenti online anche i giocatori impegnati in partite arcade offline; basta attivare un’apposita opzione per essere rintracciati sul motore di ricerca interno, e una volta sfidati da qualcuno la partita single player verrà interrotta.
Nella modalità single player è possibile attivare anche la “Story Mode di SFxT”, che consente di combattere contro personaggi controllati dalla CPU e di osservare brevi video che raccontano la storia che ha portato i vari personaggi, appartenenti a universi differenti, a scontrarsi l’uno contro l’altro.

La perfezione non esiste..
Come tutti i giochi esistenti al mondo troviamo anche in Street Fighter X Tekken delle piccole imperfezioni. In generale il gioco è ben riuscito ed è in grado di appassionare tutti gli amanti del genere. Ma tutto ciò che è al di fuori dei personaggi, delle loro mosse e della loro realizzazione, non è stato curato ugualmente bene.
Troviamo qualche imperfezione nel sistema di controllo, come ad esempio il tasto L3 che permette di effettuare una combo automatica oltre a funzionare semplicemente come stick, per cui capiterà spesso di voler eseguire una banale mezzaluna ma andremo erroneamente ad effettuare un attacco del tutto differente a causa della pressione involontaria del tasto. È perciò consigliabile una periferica di gioco che ha una disposizione dei tasti come quella di un cabinato per avere una migliore giocabilità.
Il problema, che forse ha deluso maggiormente i giocatori, è la presenza di un bug nella modalità online. Se non si dispone di una connessione particolarmente prestante durante i combattimenti online l’audio verrà a mancare improvvisamente, disturbando in modo irritante il player. Di conseguenza a questo disagio la Capcom si è subito scusata pubblicamente dicendo: “Siamo consapevoli della presenza di problemi con l’audio quando si giocano match online. Per poter correggere tutti gli errori audio, la fluidità del gioco online sarebbe compromessa, quindi è davvero complicato e difficile riuscire a bilanciare le due cose. Vogliamo far sapere a tutti che il team di sviluppo è attualmente alla ricerca di diverse soluzioni per migliorare questo problema.”
A parte questi piccoli problemi tecnici, un altro aspetto che non viene particolarmente curato nel gioco è la possibilità di personalizzare i propri personaggi, che risulta essere limitata. I costumi attualmente disponibili per ogni character sono pochi ed è stata riscontrata anche una mancanza di coerenza da parte dei produttori, poichè dopo aver presentato vari accessori nei mesi precedenti, non  li hanno realmente aggiunti alle caratteristiche dei personaggi. Stessa cosa vale per i personaggi disponibili dove, ad esempio, abbiamo l’assenza di Blanka che a quanto pare sarà distribuito via DLC, speriamo gratuitamente. Anche le arene sono strettamente limitate, riducibili solamente a  11 scenari. Questi ultimi aspetti si presentano superficiali e non agiscono a discapito del gioco in maniera gravosa.

Commento di Salvatore Di Maio
Un altro incredibile pezzo si è aggiunto all’enorme e variegato puzzle dei picchiaduro che sembra essere sempre molto quotato anche con il trascorrere degli anni. Street Fighter X Tekken si è dimostrato un titolo molto valido ed innovativo sotto tutti i punti di vista, con molte introduzioni che rendono l’esperienza di gioco fresca ed appagante. Non si tratta quindi di un semplice titolo commerciale per prolungare l’esistenza di un brand, ma siamo di fronte ad un vero e proprio nuovo titolo della Capcom. Il risultato infatti è una promozione a buoni voti, meritatissimi grazie all’adattamento ben riuscito dei personaggi ripresi dal mondo di Tekken ed al nuovo ambiente di gioco. Si può dire che Street Fighter x Tekken si preannuncia come il picchiaduro più innovativo ed entusiasmante creato finora, nonostante qualche piccola imperfezione riscontrata qua e la.

VOTO 8,5

GUIDE TROFEI

Antonio Loparco
Antonio Loparcohttps://www.playstationzone.it
Videogiocatore sin da piccolo, ho iniziato ad addentrarmi nel mondo videoludico con Amiga600. Pian piano ho provato varie piattaforme fino all'acquisto della prima PlayStation che è rimasta da sempre la mia console preferita.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome