Fifa 2010

Sviluppato da: EA Sports Canada
Prodotto da:
EA Sports
Distribuito da:
Electronic Arts
Data di pubblicazione:
02/10/2009

Valutazione Menu: 7/10
Valutazione Gameplay:
10/10
Valutazione Longevità:
9/10
Valutazione Grafica:
8/10
Valutazione Sonoro:
7/10
Valutazione Online:
9/10

Menu & Intro
Puntuale come ogni anno, ecco arrivare il nuovo capitolo del calcio secondo Ea Sports. Precisiamo subito che Fifa 10 non è un gioco del tutto nuovo, è più un’ evoluzione dei precedenti titoli calcistici della serie, che punta ad aumentare il livello, già alto, di realismo e ad ottimizzare l’esperienza del videogiocatore. Appena inserito il disco infatti, ci troveremo dinanzi alla familiare struttura dei menù dei titoli Ea Sports , in modo che gli appassionati di vecchia data non trovino alcuna difficoltà a districarsi nelle molteplici opzioni offerte. Queste ultime infatti permettono di personalizzare il gioco praticamente in ogni aspetto: dalle regole alla velocità di gioco, dalla lingua della telecronaca alle visuali e così via. Capitolo a parte meritano le modalità di gioco, sulle quali torneremo più avanti.

GamePlay
Il cuore del gioco. La serie Fifa, si è contraddistinta in passato per la varietà di opzioni offerte e per la cura negli elementi definibili “di contorno”, fallendo quasi sistematicamente la prova “sul campo” cioè quella del calcio giocato vero e proprio. Nelle ultime due edizioni abbiamo assistito invece ad un radicale cambio di impostazione, che ha portato il titolo a diventare la simulazione calcistica di riferimento nell’ era next-gen. Fifa 10 ovviamente non fa eccezione, anzi punta ad accentuare ed ampliare  le caratteristiche che avevamo potuto apprezzare nei suoi fratelli maggiori. La novità più interessante è senza dubbio il dribbling a 360°, che ci permetterà di muovere il giocatore praticamente in ogni direzione, fornendo una libertà d’azione senza precedenti. Se a questo aggiungiamo la nuova fisica della palla (migliorata ma ancora non perfetta, specie nei cross) e il tempo di risposta ai comandi bilanciato alla perfezione, risulta chiaro che ci troviamo davanti ad un titolo di enorme spessore, che necessità però del giusto impegno per essere compreso appieno.

Longevità
Altro punto forte di Fifa 10 è senz’altro la longevità. Le modalità previste infatti sono innumerevoli; partendo dal presupposto che sono presenti 31 campionati e 41 nazionali, potrete sbizzarrirvi in tornei (nazionali, internazionali, a gironi, ad eliminazione diretta e così via), modalità allenatore (vestirete i panni di un manager e dovrete tener conto di tutti gli aspetti, da quelli prettamente sportivi a quelli dirigenziali come prezzi dei biglietti, calcio mercato e così via), stagione (scegliete una squadra e portatela alla vittoria nelle varie competizioni, senza preoccuparsi degli aspetti manageriali). Merita una menzione a parte la modalità virtual pro, dove guideremo un solo calciatore, accompagnandolo nella sua scalata al successo. La novità è rappresentata dal fatto che ,creando il nostro alter ego mediante l’editor interno, questo sarà disponibile in ogni modalità, sia online che offline e più sarà utilizzato, più alte saranno le sue possibilità di migliorarsi.

Grafica
Il comparto tecnico degli ultimi Fifa, già piuttosto buono, non viene qui stravolto, ma affinato. A fare la parte del leone ci sono senza dubbio le splendide animazioni: ogni azione dei calciatori sarà meravigliosamente riprodotta e legata in maniera molto fluida e naturale. Anche i modelli poligonali risultano ben fatti e rendono riconoscibili tanti giocatori, con una cura particolare per i più famosi. Una novità di questa edizione è senza dubbio la presenza della pioggia o della neve, che al di la dell’ottimo effetto estetico, incide pesantemente sulla fisica del pallone e sulla stanchezza dei calciatori in campo, contribuendo allo spirito simulativo del gioco. Anche gli stadi sono tutti fedelmente riprodotti e curati.

Sonoro
Il sonoro è probabilmente l’unico punto debole della produzione Ea Sports. Infatti seppur sia presente la telecronaca dei conosciutissimi Caressa e Bergomi, questa non si eleva ad un rango di particolare eccellenza, risultando anche un po’ ripetitiva in qualche caso. Altro aspetto sottotono è quello del pubblico: il tifo infatti, si sente troppo poco e anche in caso di gol manca un vero e proprio boato che sappia coinvolgere ancora di più il giocatore. Questo è un vero peccato perchè segnare risulterebbe ancor più appagante di quanto non sia già. Come nei precedenti capitoli è presente una corposa lista di brani che ci accompagneranno durante la navigazione nei menù, a cura di artisti come Wycleaf Jean e Fabri Fibra.

Modalità online
Da sempre cavallo di battaglia delle produzioni Ea, il muliplayer online ripresenta tutte le sue migliori caratteristiche anche in Fifa 10. Potremo scegliere di disputare partite libere o classificate, campionati ( con possibilità di renderli privati) e persino appassionanti sfide fino ad un massimo di 5 giocatori per squadra. Da non dimenticare la modalità professionista online, nella quale possiamo creare il nostro club, o entrare in quelli esistenti e utilizzare il nostro calciatore in tiratissime sfide con un massimo di altri 19 giocatori umani. Altra novità di questa edizione sono i nuovi parametri di ricerca partita: potremo impostare una partita per chi gioca con le impostazioni del controller manuali, semiautomatiche o assistite; partite dal ritmo di gioco lento, normale o veloce; solo per squadre di una certa caratura e così via. A tutto questo aggiungiamo pure l’ottima stabilità dei server e la quasi totale assenza di lag che rendono l’esperienza online di Fifa 10 assolutamente godibile.

GUIDE TROFEI

Little Big Workshop – Recensione

Da amante di strategici e simulativi, ho sempre apprezzato la complessità del proporre sfide organizzative ai giocatori. Passando tra moltissimi esponenti del genere, da...

Space Crew – Recensione

Siamo in un periodo decisamente impegnativo in qualità di videogiocatori. Il mese di ottobre è solito mettere sul piatto una miriade di videogiochi, le...
Antonio Loparco
Antonio Loparcohttps://www.playstationzone.it
Videogiocatore sin da piccolo, ho iniziato ad addentrarmi nel mondo videoludico con Amiga600. Pian piano ho provato varie piattaforme fino all'acquisto della prima PlayStation che è rimasta da sempre la mia console preferita.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome