Alcune volte capita di dover recensire titoli che portano un nome decisamente importante, titoli che non possono essere presi sottogamba; bisogna far attenzione ad ogni minimo dettaglio per riuscire a capire se quello che si ha davanti è all’altezza dei precedenti capitoli della serie. Questo è sicuramente il caso di Wolfenstein 2 The New Colossus, seguito che sin dal suo annuncio ha catturato l’attenzione degli appassionati del genere FPS e che deve assolutamente replicare, se non migliorare, la struttura solida del suo predecessore, The New Order. Umoristico a modo suo, frenetico, epico e cazzuto: è così che ce lo siamo sempre immaginati ed è quello che ci siamo sempre aspettati. Bene, ora lo abbiamo avuto sottomano e siamo pronti a parlarvene in questa nostra recensione per dirvi se, in fin dei conti, le nostre aspettative sono state soddisfatte.

La nostra recensione di Wolfenstein 2 The New Colossus, nuovo titolo sviluppato da MachineGames

Wolfenstein 2 The New Colossus, essendone il seguito, ripropone la stessa ambientazione di The New Order, ossia un mondo alternativo in cui i nazisti sono riusciti a vincere nella seconda guerra mondiale. La storia, infatti, riprende proprio dalle vicende che abbiamo lasciato nel precedente capitolo, di cui non andremo a parlare per non fare spoiler, ed il protagonista è sempre il temibile William “B.J.” Blazkowicz, detto Terror-Billy. Non vi neghiamo che, se non avete mai giocato il precedente capitolo, farete fatica a capire alcuni passaggi, pertanto il nostro consiglio è quello di giocare l’avventura nella sua interezza, partendo dalla produzione uscita nel 2014. La trama non è il pezzo forte di The New Colossus ma si nota come il team di sviluppo abbia riposto grande attenzione per riuscire a coinvolgere il giocatore, proponendo una storia ben architettata e che dà spazio anche alle emozioni.

Wolfenstein 2 The New Colossus
Wolfenstein 2 The New Colossus – Recensione

L’avventura si svolge tra quest primarie e secondarie sempre avvincenti, che non danno mai la sensazione di ripetitività; andando avanti senza soffermarsi troppo su alcuni passaggi, per portare a termine il titolo sono necessarie circa 10 ore se giocato ad un livello di difficoltà medio, longevità accettabile se paragonata agli altri titoli del suo genere. Inoltre, una volta completata la storia, è possibile tornare indietro per recuperare alcuni collezionabili o sfide lasciate in sospeso.
La trama risulta essere avvincente e ricca di colpi di scena, ma è richiesta un po’ di pazienza; le prime battute, infatti, non hanno quel ritmo frenetico che invoglia il giocatore ad andare avanti, ma non dovete assolutamente perdere la pazienza e superare quelle prime fasi: il dopo merita assolutamente ogni attesa.

Wolfenstein 2 The New Colossus
Wolfenstein 2 The New Colossus – Recensione

Come tutti sapete, Wolfenstein 2 The New Colossus ha la struttura dei classici FPS, caratterizzato da freneticità e da avversari non troppo semplici da mettere ko, temibili avversari che abbiamo già affrontato in The New Order. Il gioco ci propone molti livelli di difficoltà, tanto da essere adattabile ad ogni tipo di giocatore, ma nonostante questo l’IA non va di pari passo. Questo forse è il problema più grande di questo nuovo titolo sviluppato da MachineGames: nelle nostre prove, i nemici affrontati non hanno mai elaborato strategie particolari per tentare di abbatterci, ma anzi dopo qualche sessione di gioco si riesce quasi ad intuire in precedenza i prossimi movimenti dei nostro avversari.

Per abbatterli avremo a disposizione un arsenale molto vario, composto da armi che si differenziano sotto più aspetti, come gittata, potenza, ampiezza del caricatore e portata. Quasi tutte possono essere utilizzate in coppia, scatenando una potenza di fuoco da far impallidire anche gli avversari più ostici. Certo, se decidessimo per questa opzione dovremmo fare i conti con una mira meno precisa ma diciamolo pure apertamente: Wolfenstein 2 The New Colossus tira fuori il meglio di sé quando esce la sua ignoranza, quella in cui ti richiede di distruggere tutto ciò che compare a schermo e si muove. Nonostante questo, il titolo può essere affrontato con un approccio più “blando”, quasi totalmente stealth!

Wolfenstein 2 The New Colossus
Wolfenstein 2 The New Colossus – Recensione

Le varie armi, inoltre, possono essere potenziate durante la narrazione, mentre il nostro Terror-Billy viene potenziato in automatico, in base alle azioni che svolge. Affrontando il titolo con un basso profilo, ad esempio, vengono sbloccate abilità utili per passare inosservati ed uccidere in silenzio. E’ un sistema già visto in altre produzioni, ed anche in questo titolo funziona bene grazie alla sua versatilità, che permette ad ogni giocatore di poter creare il personaggio che più si addice al suo stile di gioco.

Tanti nazisti e tanto bang bang

Wolfenstein 2 The New Colossus è un titolo valido anche dal punto di vista tecnico. Abbiamo ovviamente testato la versione PlayStation 4 del titolo ed il livello qualitativo lo si apprezza in ogni frangente. Particolare attenzione è stata riposta nella realizzazione degli effetti di luce, che combinati con la palette cromatica del titolo riescono a dare quel tocco di crudeltà associato alla dittatura nazista, enfatizzato anche dall’ottima direzione artistica. Dagli ambienti di gioco alle skin dei personaggi, tutto è realizzato con cura; si nota ogni tanto qualche texture sottotono ed abbiamo riscontrato qualche calo di frame durante le scene più concitate, ma nel complesso nulla che possa minare la godibilità del titolo.
L’audio si comporta bene in ogni occasione, sia in termini di effetti che della colonna sonora, che propone tracce audio evocative ed adatte ad ogni occasione.

RASSEGNA PANORAMICA
Voto
8.8

Videogiocatore sin da piccolo, ho iniziato ad addentrarmi nel mondo videoludico con Amiga600. Pian piano ho provato varie piattaforme fino all’acquisto della prima PlayStation che è rimasta da sempre la mia console preferita.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here