Wonderbook: Il Libro degli Incantesimi – Evento stampa

Piattaforma:
Genere:
PlayStation Move:
Compatibilità 3D:
Sviluppato:
Distribuito:
Pubblicato:
Data Rilascio:
PEGI:
Giocatori:
Versione:
Sito Ufficiale
PS3
Casual
Si
No
SCE London Studios
SCEI
SCE
14 novembre 2012
7+
1
PAL

PS3Zone è stato presente in prima linea a Milano il 25 ottobre 2012 per la presentazione di Wonderbook: Il Libro degli Incantesimi, nuovo titolo Sony che sarà disponibile dal 14 novembre in esclusiva per PlayStation 3. Volete sapere se il gioco ha superato la prova del nove? Continuate a leggere e lo saprete anche voi!

Il progetto Wonderbook in tutta la sua bellezza!
Veniamo accolti in modo caloroso da Sony nel centro del capoluogo lombardo, in una sala convegni allestita al meglio possibile per l’occasione. In primis è stato presentato Wonderbook da SCE Italia, indicando sin dal primo momento il target a cui il titolo è rivolto. Si scopre infatti che il primo gioco della “collana” verrà commercializzato dal 14 novembre ed è principalmente destinato ad un pubblico molto giovane ed ai relativi genitori, cosa che però non esclude un possibile uso da parte di altri giocatori di varie età. Creato da SCE London Studios in collaborazione con J.K. Rowling, “Wonderbook: Il Libro degli Incantesimici viene presentato come il più bel regalo di Natale per i piccoli videogiocatori, ma anche per chi vuole tirar fuori il bambino che è in sé. Il titolo verrà venduto a circa 40 euro compreso della periferica apposita, il libro appunto, mentre a circa 85 euro nel caso in cui non avessimo già il PlayStation Eye e il controller Move.
{gallery}Wonderbook/26ottobre2012-1{/gallery}La parola a SCEE London!

Dopo la presentazione più “formale” è Dave Ranyard, produttore esecutivo del gioco, a parlarci in prima persona del suo ultimo progetto. Wonderbook in sé non è solamente un gioco, ma un progetto basato sulla sua periferica dedicata: un libro in semplice carta spessa, di dodici pagine, che viene riconosciuto senza problemi dalla nostra fida console. Dave ci mostra appunto questo libro, fatto in modo da essere resistente senza alcun chip o componenti elettronici di sorta al suo interno, ma “decorato” solamente con dei simboli colorati sulle pagine, oltre che sulla copertina e i bordi, fatti in modo da essere riconosciuti da PlayStation Eye. Il gioco funziona quindi unicamente questa periferica e la già citata telecamera necessaria per il riconoscimento anche del PlayStation Move, quest’ultimo usato come se fosse una bacchetta magica.
Dave ci racconta che il progetto in questione è nato nel lontano 2005 sfruttando la conoscenza acquisita sviluppando EyeToy per PlayStation 2, mostrandoci dei video con i primi prototipi del gioco, già interessanti all’epoca. Dopo questo aneddoto, vediamo come funziona tutto il sistema che, come sicuramente saprete, è basato sulla Realtà Aumentata, in grado di unire in modo naturale le immagini riprese con la telecamera PS3 alle ambientazioni create dal motore di gioco. Il semplice libro si trasformerà quindi a video in qualcosa di davvero bello da vedere, generando modelli tridimensionali che si adatteranno al movimento del libro stesso da parte del giocatore, o potremo influenzare l’immagine che è stata generata utilizzando il PlayStation Move come se fosse una bacchetta e lanciando incantesimi.
Oltre a Wonderbook: Il Libro degli Incantesimi, Dave ci svela che nel giro di qualche mese usciranno altri due titoli basati sulla nuova periferica, il primo dei quali è Walking with Dinosaurs, realizzato in collaborazione con BBC e presentato come un EyePet preistorico molto educativo. Il secondo, molto più interessante a mio parere, è invece Digg’s Nightcrawler, un gioco in cui aiuteremo un detective a risolvere dei casi in ambientazioni create dal libro interattivo. Dopo l’accurata ed interessante presentazione di Dave Ranyard, lo stesso ci invita a provare il titolo nelle varie postazioni allestite per l’occasione. Noi ovviamente accettiamo l’invito con vero piacere!

Maghi si nasce?
Messi di fronte ad una delle postazioni di gioco, notiamo subito la localizzazione in italiano sia nel testo che nei dialoghi, davvero ben fatti ed immersivi. Oltretutto il titolo in test è la versione completa, fatto confermato dalla presenza dei trofei, tutti segreti in quanto relativi all’apprendimento di magie o al raggiungimento di un certo punteggio nelle sfide presenti. Veniamo affiancati fin da subito da uno degli sviluppatori del gioco, che ci fornisce consigli e ci spiega alcune particolarità che andremo ad affrontare successivamente, davvero gentile e disponibile come tutti gli altri dello staff Sony. La collaborazione con la Rowling è già visibile in quanto prima di giocare abbiamo la possibilità di scegliere tra le quattro casate rese famose dalla saga di Harry Potter. Dopo averne scelta una (non sappiamo ad ora se la scelta di una piuttosto che dell’altra comporti cambiamenti nel titolo) e dopo aver calibrato il Move, inizia il gioco vero e proprio, a partire da un tutorial sull’utilizzo del libro combinato alle altre due periferiche Sony. A parte qualche compenetrazione e sporadici problemi nel rilevare correttamente i movimenti del libro nello “spazio”, è da ammettere che il tutto funziona piuttosto bene, rendendo nel migliore dei modi la magia del mondo di Harry Potter, incantesimi inclusi. Ogni capitolo della storia si conclude con un test, utile a ripassare tutti gli incantesimi appresi nelle fasi precedenti e che darà un punteggio in base alla nostra abilità e destrezza con la bacchetta magica. Purtroppo non è stato possibile provare il gioco nelle sue fasi avanzate, però la curva di apprendimento è sembrata già ben calibrata solo a giudicare da questa prova di un’ora abbondante.
{gallery}Wonderbook/26ottobre2012-2{/gallery}In conclusione…
Sicuramente il gioco e l’intero progetto Wonderbook risultano molto validi e ben realizzati, anche se non ci sentiamo di consigliare il gioco a tutti. Come anche Sony ci ha detto più volte, il titolo e relativa periferica sono consigliati principalmente ad un pubblico molto giovane, per gli altri il rischio è invece di annoiarsi dopo solo qualche sessione di gioco. I giocatori potrebbero storcere il naso in quanto il titolo necessita sia del Move che della telecamera per poter essere giocato, rendendo la spesa totale abbastanza elevata; Sony però, come detto in precedenza, ha annunciato un conveniente bundle comprensivo di tutto il necessario, un buon regalo di Natale per i propri bambini. Per il resto, restate sintonizzati per la recensione del gioco che, ricordiamo, sarà disponibile in Italia a partire dal 14 novembre.

Davide “BigBoss87” Begni

Videogiocatore sin da piccolo, ho iniziato ad addentrarmi nel mondo videoludico con Amiga600. Pian piano ho provato varie piattaforme fino all'acquisto della prima PlayStation che è rimasta da sempre la mia console preferita.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here