Killzone 3 – Hands On

Piattaforma: PS3
Genere: FPS
Sviluppatore: Guerrilla
Distributore: SCEI
Produttore: SCEE
Data rilascio: Febbraio 2011
Target: n/d
Giocatori: 1 + Multiplayer Online
Versione: PAL
Sito Ufficiale:  http://www.killzone.com/kz3/agegate.html

SCEE al GamesCom 2010 si è davvero sbizzarrita, mettendo a disposizione molti titoli per fare prove su prove. Poteva quindi mancare l’FPS di punta della casa nipponica, Killzone 3? Ovviamente no! Per la precisione erano presenti più postazioni, su ognuna delle queli potevamo provare tre demo differenti. Una in cui il protagonista, Sev, è a piedi, un’altra in cui abbiamo potuto utilizzare una delle novità di Killzone 3, il jetpack, mentre nell’ultima sempre in volo su di un jetpack ma differente da quello utilizzato nella demo precedente.

Ri-Benvenuti su Helghan
Tutte e tre le prove erano ambientate sul pianeta Helghan in un contesto innevato e ghiacciato, altra novità rispetto al precedente capitolo. Nella prova a piedi, il nostro alter ego ha dimostrato di avere praticamente le stesse peculiarità che aveva in Killzone 2, ma con un netto miglioramento di fluidità nei movimenti. Abbiamo infatti riscontrato una fisica migliorata rispetto al precedente capitolo, ed una risposta ai comandi curata in modo migliore. Inoltre il sistema di copertura potrà essere sfruttato con maggior semplicità: basterà infatti premere il tasto L2 per nascondersi dietro ai ripari, e con la semplice pressione del tasto per far fuoco e l’inclinazione dell’analogico sinistro, Sev si sporgerà e inizierà a sparare all’impazzata. Insomma, un metodo molto più intuitivo e meno macchinoso rispetto a Killzone 2.
Ma passiamo ora alla vera novità riguardante il gameplay di Killzone 3: il jetpack. Presa confidenza con i comandi, quasi immediati, ci siamo dati alla sperimentazione del volo. Controllarlo è abbastanza semplice: con L2 si fa partire la reazione nucleare con il quale il giocatore viene spinto verso l’alto e, mentre siamo in volo, premendo la X sarà possibile avere un’ulteriore spinta, più energica. Con i tasti L1 ed R1 avremo rispettimanete lo zoom e lo sparo.

Con questa novità abbiamo potuto notare che il team di Guerrilla ha voluto dare uno sviluppo dell’azione non solo sul piano orizontale, ma anche su quello verticale. Si potrà infatti saltare da una piattaforma all’altra, o salire su postazioni sopraelevate dando al giocatore la possibilità di impostare il proprio attacco sfruttando più ripari possibili, o calandosi a sorpresa dall’alto facendo fuoco sui nemici.
Dal punto di vista grafico si hanno notevoli miglioramenti rispetto al precedente capitolo. Nonostante abbiamo messo le mani su delle versioni ancora in fase di sviluppo, e che vedranno sicuramente molti miglioramenti, Killzone 3 ci ha già dato un’idea molto dettagliata su cosa sarà il suo aspetto tecnico. La nuova ambientazione, totalmente innevata, ha una resa molto d’impatto; la realizzazione delle luci soprattutto da al titolo un’ottima atmosfera. Abbiamo avvertito in alcune sequenze, soprattutto in quelle più affollate, dei cali di framerate che sicuramente Guerrilla già conosce e risolverà prima dell’uscita su mercato.

Commento di Antonio Loparco
Killzone 3 promette davvero bene, e gli sviluppatori stanno facendo un ottimo lavoro che contraddistinguerà il loro titolo all’interno del mondo videoludico. La grafica mozzafiato, il gameplay più intuitivo rispetto al precedente capitolo, lo sviluppo dell’azione rivoluzionato grazie all’introduzione del jetpack e le novità apportate nella struttura del gioco, saranno sicuramente il punto di forza di Killzone 3. Se tutto questo sarà contornato da una trama che lascerà il segno, avremo allora davanti un titolo che entrerà nella storia dei videogame. Obiettivo ostico vista la mole di FPS sul mercato, ma il team di Guerrilla ha tutte le carte in regola per centrarlo ed il Work in Progress che abbiamo potuto provare ha dimostrato un’ottima fattura di base. Ci vediamo su Helghan!

Videogiocatore sin da piccolo, ho iniziato ad addentrarmi nel mondo videoludico con Amiga600. Pian piano ho provato varie piattaforme fino all'acquisto della prima PlayStation che è rimasta da sempre la mia console preferita.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here