Serious Sam 4 – Recensione

Nonostante siano presenti diversi alti e bassi, Serious Sam 4 è senza dubbio un'ottima occasione per avvicinarsi al brand, soprattutto per chi non ha mai avuto la possibilità di giocarci su PC. Se vi piacciono gli fps vecchia scuola, nel titolo di Croteam troverete tutto ciò che cercate. Una trama da prendere alla leggera ma comunque divertente, un gameplay appagante soprattutto se giocato in co-op ed un ottimo livello di sfida.

Dopo esser stato rilasciato lo scorso 24 settembre 2020 su PC, Serious Sam 4 approda finalmente – ed ufficialmente – sulle console di attuale generazione. Nonostante un’accoglienza non proprio roboante per questo quarto capitolo della saga, dovuta ad un porting non proprio performante, il titolo di Croteam riesce comunque a divertire per tutta la sua durata. Ciò viene concesso anche dall’ottima caratterizzazione di Sam, sempre sicuro di sé e pronto a proteggere la terra fermando l’avanzata aliena, tra cui la ben conosciuta missione che consiste nello sconfiggere un gigantesco alieno a San Pietro.

Conclusa questa breve introduzione, non ci rimane che dirvi di preparate il vostro arsenale e partite assieme a noi in questa nuova recensione!

serious sam 4 img rece

Serious Sam 4, Get Serious!

Serious Sam 4 prende atto molti anni prima degli eventi di Serious Sam 3: BFE. Vestiamo nuovamente i panni di Sam Stone all’interno della “Earth Defense Force“, con l’intento di salvare ancora una volta l’umanità dalle orde demoniache di Mental, antagonista principale del gioco.

Con questa semplice premessa ha inizio la nostra avventura, la quale porterà il nostro Sam Stone ed il suo equipaggio in un viaggio che ci farà esplorare Roma, gli scavi di Pompei e molto altro ancora.

Il titolo presenta diversi livelli di difficoltà, i quali influiscono decisamente nel tempo richiesto per il completamento della trama. Durante il nostro provato abbiamo raggiunto il termine della storia in circa 5/6 ore di gioco. Il tutto può inoltre essere affrontato sia in solitaria che in compagnia di un amico, con la possibilità infatti completare l’intera campagna in modalità cooperativa.

Pronto a fronteggiare l’armata di Mental?

Dal punto di vista del gameplay, Serious Sam 4 si presenta come uno sparatutto, il quale permette al giocatore di scegliere se giocare in prima oppure in terza persona, potendo inoltre cambiare la prospettiva in tempo reale. Una possibilità tutto fuorché banale, dato che in pochissimi altri titoli del genere è concesso.

Ancora una volta, nel titolo di Croteam ci troveremo a fronteggiare vere e proprie orde di nemici, fronteggiando anche più di 100 nemici simultaneamente a schermo. Tutto ciò riesce a trasmettere al giocatore una buona dose di adrenalina, regalando un’esperienza appagante sia agli appassionati della saga sia ai nuovi giocatori.

Rispetto al gameplay puramente arcade dei precedenti capitoli, in Serious Sam 4 i ragazzi di Croteam hanno deciso di introdurre nuove feature, le quali rendono il gioco un pacchetto completo. In primis l’introduzione di un albero delle abilità. Infatti, all’interno dei vari scenari è possibile trovare dei punti abilità, i quali conferiscono a Sam dei poteri davvero niente male. Tra questi troviamo la possibilità di utilizzare armi doppie, le cosiddette Akimbo, il muoversi più velocemente, oppure la possibilità di finire i nemici di qualsiasi dimensione con un semplice attacco corpo a corpo. Tutte abilità utili che possono adattarsi alle build più disparate,  lasciando al giocatore la completa libertà di scelta.

Il nostro arsenale è composto principalmente da più di 10 armi, passando per la classica pistola, il fucile d’assalto o la doppietta, per poi passare ad armi più particolari come un Cannone, armi laser ed altre ancora più iconiche del brand. Oltre a ciò, sono stati introdotti anche gli equipaggiamenti, dai classici medikit a dei buchi neri portatili in grado di polverizzare all’istante tutti i nemici. Insomma, il divertimento e l’improvvisazione non mancano.

Proseguendo nell’avventura, in stage con mappe molto grandi, il team di sviluppo ha deciso di introdurre anche NPC e missioni secondarie, a nostro avviso davvero divertenti e ben introdotte nel contesto del gioco. Alcune di esse omaggiano altri brand più famosi, come ad esempio Super Mario.

Dal nostro punto di vista abbiamo trovato una IA davvero ottima anche giocando a difficoltà “Normale”, regalando un buon livello di sfida. Purtroppo, incontrando gli stessi nemici più e più volte imparerete i loro movimenti e farli fuori sarà più un contrattempo che una sfida.

Passando agli aspettavi negativi di cui soffre Serious Sam 4, troviamo senza dubbio la ripetitività del tutto. In primis la scarsa varietà dei nemici, molti dei quali sono presenti fino alla fine del gioco. Inoltre, i vari livelli saranno sempre strutturati alla stessa maniera. Iniziare il livello, avanzare, ondata di nemici, eventuali subquest da completare e luoghi segreti. Il tutto ripetuto per l’intera campagna. Un vero peccato, poiché il titolo potrebbe offrire davvero molto in termine di contenuto e gameplay, vista anche l’introduzione di una modalità “Sopravvivenza” che presenta però solamente 3 mappe disponibili.

Per riassumere, nonostante siano stati fatti piccoli passi per introdurre nuove feature all’interno del gioco, Serious Sam 4 avrebbe potuto offrire molto di più. Nonostante ciò, il titolo rimane comunque un ottima occasione per avvicinarsi al brand e divertirsi magari con un amico, fronteggiando centinaia di nemici con armi di tutti i tipi. Magari giocando anche a difficoltà più elevate.

Not Serious!

Serious Sam 4 arriva sulle console di attuale generazione con una risoluzione in 4K e 60fps.

Dal punto di vista tecnico il titolo non si presenta nella migliore dei modi, partendo dai caricamenti non proprio veloci soprattutto all’avvio. Nonostante le mappe siano comunque ben costruite, esse non riescono a convincere dal punto di vista della realizzazione tecnica. Stesso discorso per i nemici ed i vari personaggi delle cutscene, fin troppo semplici nella realizzazione.

Concludendo, dal punto di vista musicale abbiamo apprezzato molto le OST proposte nei vari livelli. Stesso discorso per il doppiaggio ben sincronizzato con i sottotitoli in lingua nostrana.

GUIDE TROFEI

Francesco Suozzo
Appassionato di console sin da bambino, ha cominciato la sua carriera da videogiocatore con l'intramontabile PlayStation One e tanto tempo ci vorrà prima di attaccare il DualShock al muro. Predilige con maestria quasi tutti i generi videoludici, eccezion fatta per i puzzle game. Ha un debole per JRPG e RPG ed è un malato di Final Fantasy e Metal Gear Solid.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome