Sine Mora EX – Recensione

Sine Mora EX è un'ottima occasione per chi, in passato, non ha mai giocato il titolo originale, a patto che siate dei giocatori appassionati del genere. Per chi invece ha già avuto esperienza con questo prodotto, l'unica motivazione che si ha per recuperarlo sulle attuali console è la possibilità di giocare la storia in cooperativa, forse un po' poco per motivare nuovamente la spesa su un titolo già giocato. Peccato davvero per la cooperativa, non integrata con tutto ciò che viene proposto in termini di modalità, scelta che limita abbastanza anche la longevità del titolo.

Sono passati cinque anni da quando Sine Mora è approdato su PC, titolo che riuscì a riportare indietro nel tempo molti videogiocatori, conquistando pubblico e critica, grazie ad una formula che riprende quasi del tutto i classici sparatutto a scorrimento laterale. THQ Nordic e Grasshopper Manufacture hanno deciso di dedicare una riedizione a questo titolo, che per l’occasione prende il nome di Sine Mora EX e che, oltre ad arricchirsi con alcune novità, porta il titolo anche sulle console di attuale generazione. Dopo una lunga prova siamo pronti a dirvi cosa ne pensiamo in questa nostra recensione!Sine Mora EX Recensione

Prima di addentrarci nel titolo è necessario fare un brevissimo cenno sulla trama senza svelare particolari dettagli, giusto un piccolo incipit utile soprattutto per chi non lo ha mai giocato. Sine Mora EX racconta la storia di un gruppo che decide di combattere contro il potere imperiale nei confronti dei popoli; presto si scoprirà però che a spingere i rivoluzionari in battaglia sono per lo più alcuni motivi personali, e non il vero e proprio desiderio di fare giustizia.
I temi narrati li abbiamo già visti in altre produzioni ma, nonostante questo, vi assicuriamo che l’intero racconto risulta essere godibile; unica sfaccettatura che potrebbe far storcere il naso in tal senso è il modo in cui viene raccontata la storia nella maggior parte della sua durata, ossia attraverso alcune cutscenes totalmente “ferme”, caratterizzate da una schermata a sfondo nero su cui appare il testo che viene narrato. Anche se il nostro consiglio è quello di godervi la storia, per chi vuole buttarsi con impazienza nelle adrenaliniche sequenze di gioco c’è la possibilità di poter saltare queste scene intermedie, opzione molto comoda soprattutto per le run successive qualora siate interessati a sbloccare tutti i Trofei del titolo.
Torniamo ora ai protagonisti di questa storia, i piloti, dotati di una particolare abilità: poter viaggiare nel tempo con lo scopo di portare a proprio favore gli scontri affrontati. Dal punto di vista del gameplay, dovremo raccogliere un certo quantitativo di capsule temporali per poter rallentare tutto ciò che ci circonda e, grazie alla nostra velocità, schivare i proiettili diretti contro di noi. Capite bene che questa è una feature da utilizzare con parsimonia nei momenti più concitati, in cui i colpi in arrivo sono tanti e molto veloci. Ovviamente per tenere d’occhio la nostra salute abbiamo a disposizione una barra dedicata alla vita ma ciò a cui dobbiamo star ancor più attenti è il tempo limite che abbiamo a disposizione per portare a termine gli obiettivi, che varia seguendo una semplice formula: un nostro colpo andato a segno aumenta i secondi a disposizione, un colpo avversario che ci colpisce ci toglie, invece, tempo prezioso, oltre ad un tot di vita ovviamente.Sine Mora EX Recensione


Recensione di Sine Mora EX, riedizione del famoso titolo Grasshopper.

Dopo una prima versione solo in lingua ungherese, è ora finalmente possibile selezionare il doppiaggio (ben interpretato) in lingua inglese, accompagnato dai sottotitoli in italiano. La novità più significativa di Sine Mora EX è però l’introduzione della modalità cooperativa, sicuramente più che gradita dai fan del genere. Trattandosi di una modalità integrata nella campagna, Grasshopper ha deciso di far impersonare il personaggio principale solo al primo giocatore, che viene aiutato da un amico alla guida di una seconda navicella dotata di uno scudo capace di assorbire proiettili e di un cannone che spara in qualunque direzione. Il secondo giocatore, inoltre, non può far affidamento su altre armi e i potenziamenti raccolti vanno ad influire solo sull’equipaggiamento del giocatore principale. Inutile dire come questa modalità riesce a divertire di più rispetto all’avventura in solitaria ma, nonostante la diversificazione dei due ruoli nel gameplay, sarebbe stata forse più azzeccata la scelta di dotare entrambi i player dello stesso aereo, in modo tale da non creare diversità sostanziali in game. Altra limitazione poco gradita è la presenza della modalità cooperativa solo per giocare la storia, lasciando in disparte le altre modalità presenti in gioco, ossia Arcade, Allenamento Boss ed Attacco a Punti.
Per sopperire a questa mancanza è stata aggiunta invece la modalità versus, che include tre minigiochi, giocabili in due, in cui lo scopo è quello di uccidere per primi l’avversario. Divertente per le prime sessioni di gioco, questa modalità risulta essere molto ripetitiva ed accantonabile dopo qualche partita.Sine Mora EX Recensione

In definitiva, l’aver aggiunto la cooperativa è sicuramente un punto a favore di questa versione EX ma si poteva fare di più, integrandola in tutte le modalità presenti nel gioco in modo da aumentare la rigiocabilità e, di conseguenza, anche la longevità del titolo. Oltre a quanto esposto poco sopra, Sine Mora EX offre anche 15 livelli sfida sbloccabili e man mano sempre più impegnativi da portare a termine; purtroppo anche in questo caso non c’è la possibilità di giocare in cooperativa.
Sine Mora, con questa riedizione, ha ovviamente subìto un salto nell’attuale generazione anche dal punto di vista grafico e c’è da ammettere che il miglioramento qualitativo ottenuto è visibile ad occhio nudo. L’ottimizzazione realizzata a puntino dà giustizia a tutto ciò che viene mostrato a schermo, che riesce ad essere competitivo con i titoli del momento del suo stesso genere.

GUIDE TROFEI

Little Big Workshop – Recensione

Da amante di strategici e simulativi, ho sempre apprezzato la complessità del proporre sfide organizzative ai giocatori. Passando tra moltissimi esponenti del genere, da...

Space Crew – Recensione

Siamo in un periodo decisamente impegnativo in qualità di videogiocatori. Il mese di ottobre è solito mettere sul piatto una miriade di videogiochi, le...
Antonio Loparco
Antonio Loparcohttps://www.playstationzone.it
Videogiocatore sin da piccolo, ho iniziato ad addentrarmi nel mondo videoludico con Amiga600. Pian piano ho provato varie piattaforme fino all'acquisto della prima PlayStation che è rimasta da sempre la mia console preferita.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome