Real Farm – Recensione

Non c'è molto da dire...Real Farm si presenta tutto sommato una buona alternativa a Farming Simulator proponendo un gameplay che cerca di simulare anche gli sforzi che affrontano i contadini ogni giorno; per raggiungere questo scopo mette in gioco il fattore lentezza che però, molto probabilmente, vi potrebbe portare alla noia. Buona la gestione del mercato, che necessita particolare attenzione, ma solo questo non basta per elevare il titolo visto che, tutto il resto non è stato approfondito come si deve. Purtroppo Real Farm non raggiunge neanche la sufficienza.

C’è chi videogioca per sparare in una guerra, chi per provare l’ebrezza di velocità adrenaliniche e chi….per fare il contadino! Ebbene si, i simulatori della vita di campagna stanno prendendo sempre più piede sulle nostre console e, grazie ad una copia review, abbiamo avuto il piacere di provare Real Farm, sviluppato da SOEDESCO, che propone un’alternativa a Farming Simulator. Per scoprire se le piantagioni vengono coltivate nel giusto modo, non vi resta che mettervi comodi e gustarvi insieme a noi questa recensione.

La recensione di Real Farm, il nuovo simulatore di SOEDESCO

Come accade in un qualsiasi simulatore, anche in Real Farm non è presente alcuna trama principale ed infatti le modalità di gioco sono solamente due: Carriera e Libero. Nella prima, il giocatore è chiamato a svolgere determinati lavori da dipendente, per conto di altri agricoltori, e dopo aver raggiunto una certa somma di denaro sarà possibile comprare la nostra fattoria, oltre che le varie macchine per lavorare. Nella seconda modalità, Libero, il giocatore è invece proprietario di una fattoria sin da subito e può decidere se dedicarsi solo ai suoi campi o accettare anche lavori esterni.
Senza ombra di dubbio la parte più interessante è la modalità Carriera, che al primo avvio ci propone un lungo tutorial utile per cominciare a prendere confidenza con i vari attrezzi da lavoro, che possono essere acquistati o addirittura presi a noleggio pagando giornalmente una piccola cifra di denaro, possibilità utile soprattutto durante le prime fasi del gioco.
I lavori che vengono svolti riescono a rispecchiare perfettamente la realtà e i sacrifici a cui un vero contadino è sottoposto; il tutto viene scandito da un ritmo di gioco molto lento, accompagnato da tempi per i lavori lunghi, due caratteristiche che possono portare alla noia se chi approccia al titolo non è troppo amante del genere.

Particolare attenzione è stata riposta nella creazione del sistema di mercato. Ogni compito portato a termine con successo ci ricompensa con una determinata somma in denaro, utile poi per comprare i veicoli necessari per migliorare l’attività in termini di tempo/produzione, per riuscire a ricavare il più possibile dalla vendita di ciò che si raccoglie. Il compito del giocatore è infatti quello di capire quando vendere il proprio raccolto, sfidando in campo economico altri sei concorrenti che cercheranno sempre di strappare il prezzo migliore; per tenere sotto controllo questo aspetto è stato strutturato un sistema molto simile alla Borsa in cui possiamo visualizzare l’andamento del prezzo secondo per secondo.
Nonostante questa piccola parte gestionale, non ci sono altri contenuti innovativi rispetto alla concorrenza ed il titolo dopo aver scoperto le principali meccaniche di gioco si rivela per quello che è: un farming continuo e spietato di soldi, niente di più niente di meno.

Anche se il gioco presenta alcuni difetti molto importanti che influiscono sull’esperienza di gioco, primo su tutti una fisica dei veicoli totalmente assente e che restituisce un feedback con il DualShock pari a zero, SOEDESCO è riuscita a confezionare un prodotto grossomodo accettabile. L’unica accortezza è di prendere Real Farm senza troppe pretese, un titolo che ci propone un incarico dopo l’altro con il solo scopo di accumulare risorse per migliorare la fattoria; se vi aspettate qualcosa di diverso o di innovativo non avvicinatevi a questo titolo.

Anche Real Farm è stato confezionato con le tipiche caratteristiche video dei titoli PS4 di questo momento, ossia una risoluzione 1080p che viaggiano a 30fps stabili. Se siete però dei possessori di PlayStation 4 Pro potete godere di campi agricoli in 4K upscalato ma che mantiene lo stesso framerate.
Il motore grafico utilizzato da SOEDESCO è Unity che tutto sommato ci regala un ottimo reparto grafico; i veicoli infatti, nonostante la fisica descritta poco sopra, sono stati realizzati ottimamente; i campi del raccolto, invece, sono ben realizzati ma ci aspettavamo qualcosa in più, come un minimo di “movimento” da parte della natura sotto il vento.
Il comparto audio è caratterizzato da una colonna sonora composta da brani rilassanti mentre il doppiaggio, come si può intuire, è totalmente assente.

- Advertisement -

GUIDE TROFEI

Narcos: Rise of the Cartels – Guida Trofei

Nato come Tie-In della celeberrima serie tv targata Netflix, "Narcos: Rise of the Cartels" fa finalmente la sua entrata in scena nel mondo dei...

The LEGO Ninjago Movie: Videogame – Guida Trofei

Benvenuti nella nostra guida ai trofei dedicata a "The LEGO NINJAGO Movie: Videogame", titolo videoludico dedicato all'omonimo film uscito nel 2017. Sviluppato da Traveller's...

Death Stranding – Guida Trofei

Benvenuti in questa nostra guida trofei italiana interamente dedicata a Death Stranding, il nuovo kolossal firmato Hideo Kojima e Kojima Productions. Il titolo, passato...

FIFA 20 – Guida ai trofei

Come ogni anno, ecco tornare sulle nostre amate console la nuova simulazione calcistica prodotta e distribuita da Electronic Arts. Fifa 20 presenta una lista composta...

Call of Duty: Modern Warfare – Guida Trofei

Prodotto da Infinity Ward e distribuito da Activision, arriva sulle nostre amate console il nuovissimo Call of Duty: Modern Warfare. Uno dei capostipiti dello...
Francesco Suozzo
Appassionato di console sin da bambino, ha cominciato la sua carriera da videogiocatore con l'intramontabile PlayStation One e tanto tempo ci vorrà prima di attaccare il DualShock al muro. Predilige con maestria quasi tutti i generi videoludici, eccezion fatta per i puzzle game. Ha un debole per JRPG e RPG ed è un malato di Final Fantasy e Metal Gear Solid.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome