Dragon Ball Xenoverse 2 – Recensione

Pur con i suoi difetti, Dragon Ball Xenoverse 2 si è rivelato un buon seguito del gioco uscito lo scorso anno. Crediamo che gli sviluppatori abbiano preso la giusta strada, andando a migliorare alcuni dei problemi del primo capitolo ed enfatizzandone invece i pregi. Siamo ancora lontani dalla perfezione dei capitoli per PlayStation 2, ma non possiamo assolutamente lamentarci di questo secondo capitolo alternativo della saga.

L’anno scorso ci eravamo lasciati con delle grandi speranze e aspettative per un eventuale seguito di Dragon Ball Xenoverse. Come prevedibile, questo seguito c’è stato ed è pronto per il nostro giudizio. Ecco a voi la recensione di Dragon Ball Xenoverse 2, rigorosamente in versione PlayStation 4. Buona lettura!

db1

Un altro Dragon Ball… alternativo!
Dragon Ball Xenoverse 2, come prevedibile, segue la stessa logica narrativa del predecessore, andando quindi a farci rivivere la storia del celebre manga/anime sotto un punto di vista atipico.
Due anni dopo la sconfitta di Demigra, due nuovi nemici stanno tentando lo stesso piano, cercando quindi di modificare lo spazio-tempo e sconvolgere il mondo di Dragon Ball per come lo conosciamo. In quanto facenti noi parte della Pattuglia Temporale, sarà nostro compito rimettere tutto a posto e porre fine alla nuova minaccia.
Esattamente come nel primo capitolo di questa nuova saga, anche in questo sequel ci sarà dato modo di creare un personaggio da zero, scegliendo innanzitutto la razza tra umani, Saiyan, Freezer, Namecciani e Majin. È possibile anche modificarne poteri, aspetto estetico e statistiche varie, così da ottenere un risultato in linea coi nostri gusti e stile di combattimento.
Come prevedibile, anche in Xenoverse 2 la gestione del personaggio e la selezione delle missioni sono affidati a un hub centrale interattivo, che risponde stavolta al nome di Conton City. In questo luogo, Kaioh ci affiderà le varie missioni, ognuna delle quali ci porterà in luoghi conosciuti dai fan della saga, per sconfiggere uno o più nemici e sistemare man mano la linea temporale originale.

db2

Xenoverse 2.0
Posto il fatto che la struttura di gioco non si discosta poi molto dal titolo precedente, in Dragon Ball Xenoverse 2 sono state fatte delle migliorie al fine di sistemare alcuni dei difetti riscontrati nel primo capitolo. Il sistema di combattimento è lo stesso ed è composto da colpi in corpo a corpo, mosse speciali e scatti, come da tradizione della serie. Gli scontri sono come al solito spettacolari e divertenti, complice un lavoro di miglioramento ben fatto sotto quasi ogni punto di vista.
Inutile parlare ulteriormente del combat system, visto che è praticamente identico a quello del primo capitolo. Le missioni principali e secondarie, se completate, ci donano punti esperienza, utili a potenziare il nostro personaggio, in pieno stile RPG. Se le missioni principali non risultano particolarmente originali, non possiamo dire lo stesso delle quest secondarie, alcune davvero degne di nota. Tra le varie, abbiamo apprezzato alcuni incarichi che ci hanno fatto rivivere alcuni eventi della serie originale, come ad esempio scalare i ranghi dell’esercito di Freezer, cercare cibo per Majin Buu e altre missioni fuori di testa.
Come nel primo Xenoverse, l’hub centrale di gioco è elemento fondamentale della struttura di gioco. Conton City è decisamente più grande di Tokitoki City, ma anche decisamente meglio strutturata. Oltre che accettare le varie missioni, nella città potremo organizzare scontri multiplayer online o cooperare per superare gli incarichi più ostici. Gli spostamenti in Conton City sono fortunatamente più immediati, grazie alla possibilità di spostarci con un hoverboard.
Riguardo ai difetti, ce n’è uno in particolare che non avremmo voluto vedere. La telecamera non riesce infatti a stare dietro agli spettacolari e veloci duelli. Non solo, anche il sistema di aggancio non funziona sempre a dovere, specialmente negli scontri contro avversari più grossi. Per quanto riguarda il discorso collisioni, pur non essendo ancora perfette, ci sono parse decisamente migliorate rispetto al precedessore. Visto che stiamo confrontando i due titoli per quanto riguarda i difetti riscontrati nel primo capitolo, ci ha fatto piacere vedere che vi è meno legnosità nei comandi, tanto che ci sono sembrati più reattivi.

db3

Tecnicamente parlando
Dragon Ball Xenoverse 2 non offre purtroppo un quadro tecnico degno di nota a causa di un conteggio poligonale non sempre all’altezza. Come sempre, lo stile grafico in cel shading va in parte a mascherare la non complessità grafica, grazie anche a dei colori azzeccati e vivaci. Se i vari personaggi sono stati realizzati con una cura del dettaglio più che valida, le ambientazioni non hanno avuto lo stesso trattamento. Ambientazioni che risultano purtroppo ancora scarsamente distruttibili, come nel capitolo precedente.
Ottimi gli effetti di luce, che rendono gli scontri uno spettacolo e decisamente intoccabile la fluidità. Il motore grafico muove tutto a 60 granitici fotogrammi al secondo, contribuendo quindi alla spettacolarità dell’azione. Buono il doppiaggio in giapponese, così come la colonna sonora.

GUIDE TROFEI

Little Big Workshop – Recensione

Da amante di strategici e simulativi, ho sempre apprezzato la complessità del proporre sfide organizzative ai giocatori. Passando tra moltissimi esponenti del genere, da...

Space Crew – Recensione

Siamo in un periodo decisamente impegnativo in qualità di videogiocatori. Il mese di ottobre è solito mettere sul piatto una miriade di videogiochi, le...
Davide Begni
Davide Begnihttps://www.playstationzone.it
Appassionato di console Sony, ha un debole per Sonic e per la saga di Metal Gear, ma in generale non disdegna nessun genere, eccezion fatta per la maggior parte dei giochi di ruolo e titoli sportivi. La sua carriera videoludica inizia a cavallo tra gli anni '80 e '90 su Master System e Game Boy, andando a toccare tutte le console casalinghe e portatili prodotte da Sega e Nintendo fino alla prima metà degli anni '90. È passato al lato oscuro di Sony grazie alla prima PlayStation, brand a cui si è affezionato da allora fino ai giorni nostri, pur avendo avuto delle piccole parentesi dedicate al mondo PC e ad altre console. Non ditelo in giro, ma ha un'insana devozione per il Mega Drive, console che spesso e volentieri ricollega alla TV in memoria dei vecchi tempi.

5 Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome