Assassin’s Creed: The Ezio Collection – Recensione

Pur essendo ancora ottimi, dobbiamo far notare come i tre Assassin's Creed risultino invecchiati piuttosto male, a causa principalmente di una legnosità marcata e di uno scarso lavoro in fase di conversione grafica. Aspetti che non possono e non devono togliere nulla alla maestosità delle ambientazioni italiane e non che fanno da sfondo al gioco, ma che purtroppo pesano sulla valutazione finale. Insomma, una trilogia da recuperare solo in caso di astinenza dalla saga, vista la mancanza di un nuovo capitolo in questo 2016.

Il personaggio di Ezio Auditore è stato eletto di prepotenza dai fan di Assassin’s Creed come il più iconico e rappresentativo della celebre saga Ubisoft. Il publisher francese ha quindi pensato che, in mancanza dell’appuntamento annuale con la saga, a molti avrebbe fatto piacere rivivere la trilogia dedicata all’immaginario assassino di Firenze. Ecco a voi la nostra recensione di Assassin’s Creed: The Ezio Collection, che comprendente le versioni rimasterizzate di Assassin’s Creed 2Assassin’s Creed: BrotherhoodAssassin’s Creed: Revelations. Per ovvi motivi, non andremo ad analizzare nuovamente i titoli citati, ma ci concentreremo perlopiù sui miglioramenti apportati rispetto agli originali.

Ezio CollectionEzio, mon amour
Come appena detto, Ezio è considerato dai fan alla pari di un idolo in campo videoludico, anche grazie alla trama che fa da sfondo ai tre giochi contenuti in questa raccolta. Trama che, per chi segue teorie alternative alla storia raccontata dai libri, potrà sapere di già visto, ma che riesce ancora oggi a stupire in modo positivo.
La storia che inizia dal secondo capitolo e che ripercorre tutta la vita di Ezio, non parla solo del suddetto personaggio e del suo contributo alla causa degli Assassini contro i Templari, ma anche di altro. Dalle religioni, ai complotti, alle teorie sulla fine del mondo, al controllo da parte dei potenti, la trilogia dedicata a Ezio fa ancora oggi riflettere, proponendoci una storia che per tanti può essere considerata improbabile, ma che per altri verrà vista come verosimile, inserita in un certo contesto.
La sola narrazione è stata in grado di tenerci incollati per un numero incalcolabile di ore, considerata la natura open world dei titoli, senza contare le numerose attività collaterali presenti, come le odiate piume del secondo capitolo. I tre titoli comprendono naturalmente anche tutti i DLC pubblicati alle rispettive uscite, per un offerta tutto sommato parecchio sostanziosa a livello contenutistico.

Ezio CollectionEzio… arrugginito!
Essendo una serie ormai conosciuta da tutti, non vogliamo dilungarci troppo sugli elementi cardine del gameplay. Pur essendo ancora dei giochi piuttosto godibili dobbiamo purtroppo far notare come siano invecchiati piuttosto male, tanto che alcuni titoli in 2 dimensioni di 30 anni fa ci paiono stagionati molto meglio.
I tre titoli (specialmente il secondo) ci sono sembrati ancora più legnosi di quanto li avevamo giocati all’epoca, complici un sistema di controllo non sempre perfetto e le arrampicate che sembrano cambiate in peggio, forse a causa di un lavoro di conversione imperfetto.
Tutto ciò, unito ai difetti già presenti all’uscita, ossia l’IA carente, la ripetitività e i combattimenti semplificati rispetto ad altri esponenti del genere, rendono la trilogia di Ezio Auditore un qualcosa che andava lasciato lì dov’era. Nei ricordi, insomma.
Ebbene sì, considerando il secondo capitolo uno dei più bei titoli per PlayStation 3, spiace proprio doverlo “bastonare” in questo modo, così come spiace farlo con i due seguiti.

Ezio CollectionUna stanca conversione
Sì, ci tocca penalizzare questa trilogia rimasterizzata anche nell’aspetto in cui avrebbe dovuto eccellere, ossia quello tecnico. L’opera di conversione pare essere derivata dalle versioni PC degli originali con settaggi alti e aumento della mera risoluzione.
Gli unici miglioramenti riguardano il sistema di illuminazione e una distanza visiva migliorata, oltre che una frame rate più stabile. Frame rate che purtroppo non va oltre i 30 fps, con grande dispiacere dei giocatori provenienti proprio dal mondo PC.
A livello poligonale i giochi sono tali e quali a come ce li ricordavamo, quindi si sente il peso degli anni ancora più di allora. Sono inoltre presenti parecchi bug non riscontrabili negli originali, oltre che glitch e animazioni imperfette e peggiorate rispetto ad allora.
Colonna sonora e doppiaggio in italiano sono ancora lodevoli, grazie all’ottimo lavoro fatto da Ubisoft sugli originali.

GUIDE TROFEI

Little Big Workshop – Recensione

Da amante di strategici e simulativi, ho sempre apprezzato la complessità del proporre sfide organizzative ai giocatori. Passando tra moltissimi esponenti del genere, da...

Space Crew – Recensione

Siamo in un periodo decisamente impegnativo in qualità di videogiocatori. Il mese di ottobre è solito mettere sul piatto una miriade di videogiochi, le...
Davide Begni
Davide Begnihttps://www.playstationzone.it
Appassionato di console Sony, ha un debole per Sonic e per la saga di Metal Gear, ma in generale non disdegna nessun genere, eccezion fatta per la maggior parte dei giochi di ruolo e titoli sportivi. La sua carriera videoludica inizia a cavallo tra gli anni '80 e '90 su Master System e Game Boy, andando a toccare tutte le console casalinghe e portatili prodotte da Sega e Nintendo fino alla prima metà degli anni '90. È passato al lato oscuro di Sony grazie alla prima PlayStation, brand a cui si è affezionato da allora fino ai giorni nostri, pur avendo avuto delle piccole parentesi dedicate al mondo PC e ad altre console. Non ditelo in giro, ma ha un'insana devozione per il Mega Drive, console che spesso e volentieri ricollega alla TV in memoria dei vecchi tempi.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome