Uncharted: Drake’s Fortune

Sicuramente uno dei Must da avere nella propria ludoteca sia per appassionati del genere (genere che cmq è abbastanza originale) che non. Unisci gli aspetti positivi di vari giochi che sono ormai dei cult nella storia video ludica, come Assassin creed, Gears of War e Tomb Raider. Storia e gameplay ci catapulteranno in un’avventura degna del miglior Indiana Jones. Provare per credere….

Sviluppato da: Naughty Dog
Prodotto da: Sony Computer Entertainment Europe
Distribuito da : Leader
Data di pubblicazione: 05/12/2007

Valutazione Menu: 8/10
Valutazione Gameplay: 8/10
Valutazione Longevità: 7/10
Valutazione Grafica: 9/10
Valutazione Sonoro: 8/10

Menu & Intro
Si infila il disco nella piattaforma e si attende con trepidazione il caricamento dei contenuti e del menù iniziale. Perché è già dall’inserimento del Blue-Ray che si inizia a vivere l’avventura che porterà il videogiocatore in scenari tanto suggestivi quanto pericolosi come foreste tropicali, antiche rovine, grotte e quant’altro. La musica del menù cala il giocatore perfettamente nell’atmosfera di esplorazione e mistero che pervade tutto il gioco. Il menù è abbastanza completo e offre varie opzioni. Si può continuare dall’ultima posizione lasciata o selezionare un particolare “capitolo” fra quelli già sbloccati. Questo rende agevole rigiocare determinati punti per poter completare la raccolta di tesori e sbloccare così un gran numero di “Bonus” selezionabili nell’omonima sezione.

GamePlay
Che dire…il gameplay e la storia sono il punto forte di questo prodotto. La trama, ricca di colpi di scena e divertenti intermezzi, si dipana ad arte senza rallentare il ritmo incalzante del gioco. Tali scene filmate, hanno il merito di essere piacevoli da guardare, divertenti da seguire e spezzano il ritmo frenetico dell’azione, concedendo qualche minuto di relax prima della sparatoria successiva. Per quanto riguarda il GamePlay vero e proprio è inevitabile dire che è molto ben curato ed unisce momenti di pura esplorazione con, per la maggior parte in realtà, sparatorie in ambienti dinamici che offrono varie strategie di avanzamento e\o copertura. Il sistema di copertura, per l’appunto, è una vera chicca, e richiama in parte quello del celebre Gears of War. Non è mai monotono ne forzato, e la scelta di una posizione piuttosto che un’altra aiuta di molto il buon esito di un conflitto. Se ci si tiene troppo centrali nello scenario si rischia di essere accerchiati e diventa veramente difficile sopravvivere, soprattutto nei livelli di difficoltà più alti. Sembra tutto molto entusiasmante ed in effetti lo è, fino almeno a più della metà del gioco….alla lunga si rischia infatti di incorrere in una ripetitività di situazioni che può far storcere la bocca, soprattutto se, come sicuramente accadrà, ci si chiude ore e ore consecutive per andare avanti il più possibile e svelare, sparatoria dopo sparatoria, il mistero alla base della storia. Per ovviare a questo, interviene un cambiamento piuttosto radicale dei combattimenti verso la fine dell’avventura. In realtà sembra più una sessione a parte destinata a tornare come all’origine, probabilmente con un sospiro di sollievo. Ci si troverà ad affrontare dei “mostri”, su cui nn voglio anticipare nulla, che renderanno inutili i consueti sistemi di copertura….si dovranno sparare raffiche di proiettili per buttarli giù prima che riescano a ghermirci o sarà finita. Le fasi di esplorazione sono intriganti e divertenti anche se a volte sembrano essere troppo stile platform. Sporgenze senza senso sono messe solo per consentire al nostro eroe di procedere. Per il resto ricorda, anche se in misura minore, il sistema di arrampicata di Assassin Creed…il che non guasta. I movimenti sono molto più realistici ed “Umani” comunque.

Longevità
E’ forse questa l’unica vera nota negativa di questo gioco. Finisce troppo presto. 10-11 ore di gioco anche per utenti non esperti saranno sufficienti. Anche se possiamo assicurarvi che saranno 10-11 ore di gioco esaltanti. Speriamo che nel seguito della saga questo problema venga arginato. Forse però, a mio avviso, la durata del gioco, così per come è strutturato, se fosse stata più lunga avrebbe realmente reso il tutto troppo ripetitivo….ma rimane un mio parere. Quel che è certo è che finendolo in così poco mi sono ritrovato a fissare i titoli di coda, affamato di altre avventure e altra azione.

Grafica
Per essere uno dei giochi di lancio per la console di casa Sony la grafica è eccezionale. Il gioco è Fluido come pure i movimenti delle varie animazioni filmate o di gioco. Le ambientazioni molto curate e dettagliate. Peccato per le texture dei nemici, troppo uguali l’una all’altra e poco curate. Effetti di esplosioni e spari sono ben definiti e realistici.

Sonoro
Che dire. La colonna sonora è totalmente azzeccata e coinvolgente. Cala perfettamente nello spirito del gioco. Gli effetti degli spari e delle esplosioni sono estremamente realistici. Il doppiaggio italiano è molto ben fatto. Tutto questo rende ancora più coinvolgente l’intera esperienza ludica.

GUIDE TROFEI

Little Big Workshop – Recensione

Da amante di strategici e simulativi, ho sempre apprezzato la complessità del proporre sfide organizzative ai giocatori. Passando tra moltissimi esponenti del genere, da...

Space Crew – Recensione

Siamo in un periodo decisamente impegnativo in qualità di videogiocatori. Il mese di ottobre è solito mettere sul piatto una miriade di videogiochi, le...
Antonio Loparco
Antonio Loparcohttps://www.playstationzone.it
Videogiocatore sin da piccolo, ho iniziato ad addentrarmi nel mondo videoludico con Amiga600. Pian piano ho provato varie piattaforme fino all'acquisto della prima PlayStation che è rimasta da sempre la mia console preferita.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome