Insomniac Games ha da sempre portato avanti progetti abbastanza ambiziosi, spaziando tra molti generi. Uno tra tanti è la serie di Ratchet & Clank, uscita sulla scena videoludica dal lontano 2002 su PlayStation 2, e che vede come protagonisti Ratchet, un meccanico della razza Lombax proveniente dal pianeta Veldin, e il suo amico Clank, un robot. La software house ha quindi deciso di continuare la serie con un nuovo titolo, ma a quanto sembra da quest’ultimo Ratchet & Clank: Tutti per Uno c’è anche la voglia di voler cambiare un pò gli schemi del solito platform. Da quanto si può intuiore dal titolo infatti Insomniac  ha voluto creare questo titolo incentrandolo sulla cooperazione tra giocatori. Sembra quindi molto interessante come progetto, ma è tutto oro quello che luccica? Scopritelo nella nostra recensione!

Tra simpatia e vecchie glorie
In ogni titolo sinora uscito della serie l’intento di Ratchet & Clank è sempre stato quello di salvare l’universo da qualche cattivo, e stavolta la missione non sarà da meno. I due nostri amici non saranno più soli però, ed infatti ad unirsi alle loro forze ci saranno il Capitinano Qwark, sempre accompagnato dal suo fare spavaldo, ed il Dr. Nefarious che inizialmente ingegna un ulteriore piano diabolico, ma successivamente si trova costretto ad unirsi ai nostri eroi a causa di una minaccia che va ben oltre le loro aspettative. La trama non offre nulla di più di questo che vi abbiamo raccontato, e si procede tra un livello e l’altro senza troppi colpi di scena.
La cosa che non manca è una caratteristica che da sempre ha contraddistinto la serie, ossia l’humor che i personaggi riescono a tirar fuori grazie alle loro battute, presenti praticamente in ogni filmato.
Vogliamo inoltre sfatare un mito sulla modalità carriera. Molte persone pensano che Ratchet & Clank: Tutti per Uno sia stato progettato per giocare unicamente in multiplayer, ed è sbagliato. E’ infatti possibile giocare l’intera storia in single player, con l’ausilio della CPU che controllerà gli altri personaggi, anche se questa scelta fa calare notevolmente l’esperienza di gioco in quanto questo titolo è stato prettamente pensato per la cooperativa, che arriva fino ad un massimo di quattro giocatori.

One and All
La giocabilità di Ratchet & Clank: Tutti per Uno cambia decisamente se si decide di affrontare le avventure in single player o in cooperativa. Nel primo caso come abbiamo detto saremo sempre accompagnati da qualche altro eroe gestito dalla IA, che si comporta sempre in modo più che buono mostrando spirito di iniziativa soprattutto quando saremo in difficoltà nei combattimenti, dove vedremo il nostro fidato compagno accorrere in nostro aiuto. Giocando da soli l’avventura risulta essere scorrevole, ma non è certamente tutto quello che può offrire questo titolo.
Le cose infatti cambiano quando iniziamo a giocare in cooperativa con altri amici, che possono entrare e uscire dalla partita quando vogliono senza interrompere il gioco. Le azioni diventano più frenetiche, più divertenti e bisogna ammettere che il titolo riesce a catturare l’attenzione. Durante gli scontri con i nemici bisogna ben calibrare le forze, in quanto molto spesso gli avversari saranno di un numero decisamente maggiore e per avere la meglio si deve decidere con attenzione dove concentrare il fuoco, soprattutto se nelle vicinanze non ci sono possibilità di ricaricare le munizioni.
Le interazioni tra i quattro eroi purtroppo non saranno molte, si potrà ad esempio lanciare un compagno dall’altra parte di una lunga rupe o attraverso un apposito rampino agganciarlo e tirarlo con noi, oppure bilanciare il peso su un mezzo per farlo andare dritto o per farlo girare, o attivare congegni attraverso manovre combinate che schiacciano bottoni d’attivazione; per il resto si riduce tutto ad andare avanti nell’ambientazione a scorrimento e uccidere i nemici.
Non mancheranno durante i livelli i classici bulloni da raccogliere, che fungono da moneta e grazie al quale è possibile comprare nuove armi e potenziarle aumentandone ad esempio la quantità di danni che infligge o la capacità delle munizioni. Giocando in cooperativa ci sarà inoltre la possibilità di avere alcuni bonus, premio che verrà conferito a chi avrà raccolto più bulloni alla fine del livello.
Insomma Ratchet & Clank: Tutti per Uno dà il meglio di se proprio in cooperativa, ma nonostante questo pecca un pò per quanto riguarda le possibili azioni cooperative, cosa che se fossero state in numero maggiore avrebbero sicuramente reso l’esperienza di gioco più stimolante e varia.

Poche novità…
Sotto il punto di vista tecnico Ratchet & Clank: Tutti per Uno si comporta abbastanza bene. Ovviamente da un titolo di questo tipo non ci si aspetta una grafica fotorealista, ed infatti quello che si ha davanti è un qualcosa di fumettoso/fantasy, dalle forme per lo più arrotondate e dai colori vivaci e sgargianti. Il tutto si muove in modo molto fluido grazie al framerate che rimane sempre abbastanza stabile, anche quando si intraprende l’avventura in cooperativa e i personaggi a schermo diventano un numero abbastanza elevato. L’esplorazione dell’ambientazione è praticamente nulla trattandosi di un platform a scorrimento, ma la telecamera fissa rende un pò più difficile la localizzazione di zone segrete, anche se grazie alla sua larga veduta riesce sempre a tenere a schermo tutti i personaggi.
Per quanto riguarda infine il comparto audio la colonna sonora è composta da tracce audio azzeccate, che accompagnano l’avventura contribuendo a dare il giusto ritmo di gioco. Il doppiaggio è completamente in italiano, e le voci scelte sono azzeccate per rappresentare ogni personaggio.

RASSEGNA PANORAMICA
Aspetto Tecnico
8.5
Gameplay
9.0
Trama
8.5
Intrattenimento
9.0
Antonio Loparco
Videogiocatore sin da piccolo, ho iniziato ad addentrarmi nel mondo videoludico con Amiga600. Pian piano ho provato varie piattaforme fino all'acquisto della prima PlayStation che è rimasta da sempre la mia console preferita.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome