MAG: Massive Action Game

Sviluppato da: Zipper Interactive
Prodotto da: Sony Online Entertainment
Distribuito da: Sony Online Entertainment
Data di pubblicazione: 27/01/2010

Menu & Intro: 7/10
Gameplay & Longevità: 8/10
Caratteristiche Tecniche: 7/10
Modalità Online: 9/10

 

 

 

Menu & Intro
Ormai si sa, non c’è sparatutto che si rispetti che non abbia la modalità online in cui poter giocare insieme ai propri amici e organizzare massacri di massa. E allora che ne dite di uno interamente giocabile in rete? MAG, Massive Action Game, è per l’appunto un FPS in sogettiva giocabile interamente in questa modalità. Non avendo una storyline il filmato iniziale non ci introduce come di consueto alla storia di questo titolo, bensì ci viene mostrata una carrellata di immagini di un addestramento militare dove vengono preparati i soldati per poi andare ad affrontare il nemico sul vero campo da battaglia. Dopo aver visto il video, e prima di imbatterci nel menu principale, dobbiamo creare il nostro personaggio. Qui potremo scegliere tra tre squadre:

-S.V.E.R.: sono clandestini o ribelli reclutati in Cina. Si tratta di ex soldati ormai non più guerriglieri che vengono assoldati come mercenari
-RAVEN: è una grande associazione che collabora con le nazioni europee ed è in contatto con le più grandi industrie militari del pianeta
-VALOR: sono i più esperti, trattandosi di veterani ed ex agenti dell’esercito statunitense

Scelta la fazione di cui vogliamo far parte, ci troviamo in un piccolo editor in cui possiamo scegliere voce e volto del nostro alter ego. Finito ciò eccoci finalmente nel menù principale. Qui, a parte il classico menu delle opzioni audio/video, possiamo scegliere di entrare in una partita oppure di vedere i vari menu in cui possiamo decidere l’equipaggio che indosserà il nostro personaggio oppure le abilità da dargli.

Gameplay & Longevità
La cosa a cui facciamo subito caso appena entriamo in gioco è la velocità. MAG non è uno sparatutto di quelli frenetici bensì rispecchia abbastanza la realtà per quanto riguarda i movimenti. I comandi sono su per giù i classici dei titoli di questo genere e per chi è abituato a giocarli non sarà difficile prenderci la mano.
Per quanto riguarda invece la modalità di personalizzazione del personaggio possiamo sbizzarrirci in molti modi. Dal menu principale possiamo accedere all’armeria. Qui abbiamo svariati slot in cui possiamo inserire, rispettivamente, due armi, due attrezzature, un’attrezzatura pesante e un accessorio. Tutto questo però stando attenti al peso di ogni oggetto in quanto avremo un massimo da dover rispettare.
Fatto ciò passiamo alle abilità. Fondamentalmente questa è la parte più importante nell’esperienza di gioco del videogiocatore. La possibilità di personalizzazione è molto vasta e comprende doti atletiche, specializzazione ai vari tipi di armi, agli apparecchi elettronici o sviluppo delle tecniche di supporto. Questi sono i vari percorsi che possiamo intraprendere per skillare il nostro personaggio. Questo sistema, molto interessante, sarebbe stato però molto più intrigante se le tre fazioni avessero avuto diverse abilità da poter scegliere rendendo così ogni personaggio unico.
Dal punto di vista della durata questo titolo si può dire infinito. Nonostante la mancata modalità single player sono molte le ore da spendere davanti alla tv per portare avanti il nostro personaggio ed equipaggiarlo al meglio. Inoltre in ogni partita cambierà sicuramente il modo in cui verrà portata a termine la missione in quanto si potranno avere diversi approcci per conquistare gli obiettivi come minare ad esempio una postazione della contraerea o distruggere i mortai togliendo ai comandanti avversari la possibilità di ordinare bombardamenti sull’area di interesse.

Caratteristiche tecniche
Le mappe enormi sono una caratteristica rilevante di questo titolo. Con molti posti dove nascondersi per la gioia dei cecchini più incalliti e con ripari messi in punti veramente strategici rendono il tutto ancora più accattivante. C’è quindi da rimanere sbalorditi davanti all’imponenza delle aree di gioco. Nonostante ciò lasciano un pò a desiderare le texture utilizzate per le mappe che risultano essere troppo semplici e a volte troppo “pulite” per trovarsi in un territorio di guerra. Anche i movimenti dei soldati macchinosi nonostante la loro buona realizzazione della texture.  Insomma sotto il punto grafico siamo poco più della sufficienza.
Per quanto riguarda l’audio all’inizio sembra promettere bene con il logo THX che appare prima del menu ma poi non riesce a coinvolgere il giocatore nelle battaglie. Manca di profondità e rumori più forti sulle esplosioni che renderebbero il tutto più realistico e veritiero.

Modalità Online
Naturalmente qui entriamo nel cult di MAG. Tutti aspettavano questo titolo per le sue novità che introduce nel mondo degli MMOFPS. Questo titolo contiene 12 diverse mappe e 5 modalità di gioco e, come è facile intuire, non tutte prevedono la presenza di 256 giocatori.
Inizialmente è possibile giocare la sola modalità Sabotaggio in cui possiamo giocare partite a 32 giocatori e dove verranno contesi tre obiettivi. Fino a qui niente di nuovo e complicato ma man mano che si va avanti iniziano a percepirsi le novità e le difficoltà di questo titolo. Si passa così di modalità in modalità passando dai 64 ai 128 giocatori fino ad arrivare a quello che tutti vogliono vedere: partite a 256 giocatori.
Ma non è tutto oro ciò che luccica. Nonostante la novità di spessore e il divertimento assicurato, gestire 256 giocatori non è per nulla facile. Ogni squadra deve essere ben organizzata per portare a termine il proprio compito. Bastano pochi membri che tentino un approccio diverso per fallire la missione e far vincere la squadra avversaria. Questo rende MAG un videogame estremamente tattico dove eseguire i compiti assegnati dal comandante è fondamentale. Gli sviluppatori, sapendo e anticipando questo rischio, hanno infatti cercato di risolvere il tutto mettendo premi considerevoli in fatto di punti esperienza per chi ubbidisce gli ordini velocizzando così lo sviluppo dei personaggi. Nonostante questo però basta davvero poco perchè una partita diventi un massacro senza senso.

Commenti conclusivi di Antonio Loparco
MAG è un titolo un pò “strano”. Prende caratteristiche base degli FPS e li mischia alle sue novità che riescono a tirare fuori sia pregi che difetti. Da un lato le mappe con la loro struttura e la loro capienza rendono il tutto molto piacevole dall’altra il problema della difficile organizzazione delle azioni che molto spesso va a scemare rende il tutto confusionato e di difficile gestione.
L’esperienza di gioco è però più che positiva per chi cerca un FPS dove mettersi in gioco con organizzazione tattica e mimetizzazione nei posti più impensabili.

Videogiocatore sin da piccolo, ho iniziato ad addentrarmi nel mondo videoludico con Amiga600. Pian piano ho provato varie piattaforme fino all'acquisto della prima PlayStation che è rimasta da sempre la mia console preferita.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here