Cosa ne pensate di un party game che anziché unire amici o parenti in divertenti mini giochi vi spinge a complottare contro di loro? A questo quesito Sony risponde con Frantics, un nuovo party game che si unisce alla collana Play Link e sviluppato da NapNok Games. Frantics si riassume in una sola parola: complotto; il titolo infatti ci spingerà a complottare contro i nostri amici ai fini di ottenere una vittoria schiacciante su di loro. Il tutto però sarà giostrato da Volpe, che ci accoglierà appena effettuato l’accesso all’interno del gioco.

Frantics – recensione

In Frantics i giocatori riceveranno al loro accesso l’avatar di un animale, che può variare da una giraffa fino a un maialino. Una volta ricevuto,potranno recarsi in due modalità: mini giochi o Festa della Volpe. Nella prima troverete ben 14 mini giochi, ognuno diverso dall’altro con specifiche regole e modi di giocare, mentre nella seconda troverete una serie di mini giochi in cui chi otterrà il maggior numero di corone sarà decretato come vincitore.
Entriamo ancor di più nell’ottica del titolo: il vero fulcro del gioco, come abbiamo già detto, è il complotto e nella modalità Festa della Volpe questo concetto sarà la portata principale del gioco. Volpe ci aiuterà ad ostacolare chi giocherà con noi contattandoci e inviando messaggi segreti sul nostro smartphone, mentre nel corso dei vari giochi offrirà ai giocatori oggetti e bonus che forniranno vantaggi e svantaggi, quest’ultimi potranno essere assegnati a un altro giocatore seguendo una strategia di vittoria.

Il gameplay del titolo è quello di un semplice party game. Collegate i vostri smartphone o tablet e potrete iniziare a giocare a Frantics e ai suoi quattordici mini giochi, ognuno dei quali riuscirà a farci utilizzare lo smartphone in modo diverso fornendo così variazioni nel gameplay del titolo. Potremo utilizzare il nostro smartphone semplicemente ruotandolo o addirittura sfruttando la pressione del nostro dito sullo schermo, mentre in alcuni casi ci ritroveremo ad utilizzarlo come controller di movimento del nostro avatar. Diciamo che quest’ultimo elemento potrebbe apparire semplice da utilizzare ma in alcuni casi diventa complesso, soprattutto per quanto riguarda il mini gioco “Palle d’acciaio“, dove dovremo muovere completamente il nostro avatar all’interno di un’arena.
In ogni gioco che troviamo in Frantics avremo a disposizione alcune vite, più ne manterremo e maggiore sarà il punteggio ottenuto durante la manche disputata, andando ad influire così sull’esito finale. Chi invece verrà eliminato dal gioco potrà comunque parteciparvi ostacolando in tutti i modi possibili i concorrenti rimasti in gara, così da non fargli ottenere un buon margine di vantaggio. La rigiocabilità è ottima: ogni mini gioco, grazie alla mole di bonus e oggetti disponibili, subirà un piccolo cambiamento per quanto riguarda l’esperienza di gioco, anche oggetti estremamente potenti possono recare svantaggi al giocatore che li utilizza se non si presta attenzione.
Nonostante la bravura in-game gioca un ruolo fondamentale, l’esito del match non è garantito fino alla fine. E’ prevista infatti un’asta finale, che determinerà le sorti della partita. Questa componente, disponibile unicamente nella modalità Festa della Volpe, i giocatori parteciperanno all’asta finale dove sarà possibile comprare la vittoria, nel vero senso della parola. Durante la serie di mini giochi sarà possibile accumulare monete; quest’ultime potranno essere scambiate nelle aste di intermezzo che metteranno in palio bonus, armi o oggetti utili nei prossimi mini giochi. Ogni giocatore potrà fare la sua offerta verso un oggetto, chi offrirà di più ovviamente si aggiudicherà l’asta e potrà trarre beneficio dalle monete spese; l’asta finale riguarda però l’acquisto delle corone, necessarie per superare il vostro amico e addirittura ottenere la vittoria su tutti quanti. Frantics propone un gameplay che costringerà i giocatori a giocare sporco: il complotto è la base per una vittoria stracciante sui vostri avversari e Volpe sarà ben felice di fornire tutti i mezzi necessari per barare.

Sulla componente tecnica del titolo non vi è molto da dire. Frantics si presenta piuttosto colorato, con un frame rate stabile. Gli avatar sono realizzati seguendo uno stile gradevole ed il doppiaggio è completamente in italiano. Possiamo dire che Frantics è un ottimo party game, con un’ottima variabilità nei mini giochi, e quando affronterete i vostri amici non dovrete mai dimenticare di non fidarvi di chi avrete seduto accanto, molto probabilmente starà pianificando qualcosa contro di voi.

RASSEGNA PANORAMICA
Voto
7.7
Appassionato di videogiochi e anime sin da tenera età, il suo primo videogioco fu Super Mario 64 per Nintendo 64, col tempo si affezionò alle console di Sony partendo appunto dalla prima Playstation. Oggi è un cacciatore di trofei su Playstation 4, predilige gli sparatutto, i titoli di corse e i picchiaduro, ma gioca veramente di tutto!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here