Spyro Reignited Trilogy – spiegato il download dei contenuti per la versione fisica del gioco

Tempo fa, venne svelato che la copia fisica di Spyro Reignited Trilogy contenesse solamente il primo gioco, mentre gli altri due capitoli dovevano essere scaricati; oggi Activision ha finalmente chiarito questa situazione spinosa.

Spyro Reignited Trilogy – spiegato il download dei contenuti per la versione fisica del gioco

A settembre, emerse la voce che la copia fisica di Spyro Reignited Trilogy contenesse unicamente il primo gioco, mentre gli altri due dovevano essere scaricati a parte tramite un codice presente nella custodia, mentre per quanto riguarda la versione digitale non ci sarebbero stati problemi. In seguito a tutto ciò, tra la confusione generale da parte dei fan ed Activision che non si è fatta avanti nel chiarire la situazione, non si seppe più nulla a riguardo. Oggi, attraverso i microfoni di IGN, la compagnia ha rivelato come funzionerà il download dei contenuti per la versione fisica, rimasto un mistero sinora. La versione fisica di Spyro Reignited Trilogy conterrà interamente il primo gioco, mentre gli altri due saranno presenti solamente in parte e il resto, richiederà il download della Day One patch, ormai diventata una tradizione per qualsiasi titolo che viene rilasciato sul mercato. Dunque per le copie che non avranno ancora scaricato la patch del Day One, avranno accesso a tutto il primo gioco, ma per quanto riguarderà il secondo e terzo capitolo, i giocatori potranno avere accesso solamente ad alcuni livelli di essi. E’ una soluzione che di certo non renderà felici molti fan, soprattutto per chi andrà per la versione fisica del gioco, soprattutto quando si tratta di un update che rende completo l’acquisto effettuato. Cosa ne pensate? Avete dei ripensamenti sull’acquisto del gioco? Vi ricordiamo che Spyro Reignited Trilogy approderà su PlayStation 4 e Xbox One  il 13 novembre.

Appassionato di videogiochi e anime sin da tenera età, il suo primo videogioco fu Super Mario 64 per Nintendo 64, col tempo si affezionò alle console di Sony partendo appunto dalla prima Playstation. Oggi è un cacciatore di trofei su Playstation 4, predilige gli sparatutto, i titoli di corse e i picchiaduro, ma gioca veramente di tutto!

2 Commenti

  1. E’ veramente indecoroso quello che certe aziende propinano ai consumatori. Giochi in parte su disco e, in parte, in digital. Un conto è scaricare una patch al day one per correggere alcuni bug o accedere a contenuti aggiuntivi, un’ altro è invece dover essere costretto a scaricare parti di gioco per poter accedere al file completo. Veramente paradossale. Per non parlare della questione sotto il profilo collezionistico: fra anni ci si potrebbe trovare con un disco monco dei suoi contenuti completi. Si pensi all’ipotesi in cui voglia utilizzare il disco su una console diversa da quella sulla quale originariamente si è scaricati i contenuti (perchè, ad esempio, andata rotta).
    Certo con la versione completamente in digitale il problema si riproporrebbe, ma, in quest’ultima ipotesi, la questione è parzialmente diversa: il disco è nato per dare la possibilità di poter fruire dei suoi contenuti su qualsiasi macchina sia in grado di riprodurlo, il digital, al contrario, si basa su un sistema diverso. Conscio di ciò, dovrei quindi avere la libertà di effettuare gli acquisti di conseguenza. La scelta fatta per Spyro, diversamente, sembra una soluzione ibrida e di compromesso che porta con sè tutti i pro e i contro di entrambi le forme di pubblicazione dei contenuti, precludendo al consumatore di scegliere in modo adeguato e ponderato l’acquisto secondo le proprie esigenze. Detto ciò, allora, mi viene da domandarmi perchè acquistare il gioco in versione fisica al day one a prezzo pieno, con tutti gli sbattimenti che ne conseguono, quando si può attendere qualche tempo ed approfittare dei validi sconti proposti dai vari store. Solo per poter giocare il gioco il prima possibile? Non ne vedo la motivazione, considerata l’ampia scelta di titoli attualmente disponibile.
    Da collezionista avevo intenzione di prenotarne due copie: una per Ps4 e una per xbox One.
    Credo proprio che passerò e, come me, anche molti miei amici coetanei.

    • Ciao Ciccio! Gran bel commento, su cui ci si potrebbe argomentare davvero tanto. Anche io, come te, sono un collezionista da tempo e l’avvento del digitale mi lascia abbastanza con l’amaro in bocca. Purtroppo però non si può non andare incontro al futuro, in cui molto probabilmente vedremo lo scomparire di libri, film, videogiochi in versione fisica a favore di semplici download che, detto onestamente, mi danno sempre l’impressione che “manchi qualcosa” visto che non tocco con mano ciò che ho acquistato. E’ sicuramente una mania da collezionisti.
      Detto questo, son d’accordo con te sulla questione “gioco mozzato a metà su disco”. In questi casi acquistarlo al D1 in versione fisica non ha molto senso, anzi conviene quasi di più acquistare direttamente il contenuto in digitale al primo price drop disponibile. Però mettiamoci anche nei panni di chi è più sfortunato dal punto di vista della connessione: in Italia siamo ancora abbastanza indietro, sono tantissimi i videogiocatori che non posso godere di una velocità idonea per i download così pesanti.
      Insomma, sarebbe un discorso troppo vasto da affrontare, e secondo me non c’è una sola direzione giusta.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here