CERO – L’ente di classificazione giapponese annuncia una chiusura temporanea

Come ben saprete esistono diversi enti di classificazione che si occupano di catalogare a seconda dei contenuti, i videogiochi che vengono immessi sul mercato. Tra questi troviamo quello giapponese, che annuncia una chiusura temporanea a causa della pandemia da COVID-19.

Il CERO chiude temporaneamente per il COVID-19!

La pandemia da COVID-19 ha sortito il suo effetto anche sull’industria dei videogiochi. Eventi e conferenze cancellate o sospese per cercare una nuova via: quella del digitale. L’E3 2020 cancellato, la Gamescom 2020 che punta ad un evento digitale, così come tanti altri organizzatori che si stanno preparando per fronteggiare l’attuale emergenza mondiale. Tutto ciò colpisce anche il CERO, ossia Computer Entertainment Rating Organization, che si occupa di schedare i contenuti dei videogiochi pubblicati sul suolo giapponese.

Poco fa, il CERO ha annunciato ufficialmente una chiusura temporanea, che va dal 7 aprile al 6 maggio per sottostare alle nuove direttive del governo giapponese diramate pr fronteggiare la pandemia da COVID-19. Nel comunicato viene annunciato che tutte le attività legate, tra cui anche le recensioni, saranno sospese per il periodo sopraindicato, invitando a chi interessato di consultare il sito web ufficiale per tenersi aggiornato.

Come riportato dal sito Automation, le compagnie inviano al CERO i titoli in formato digitale circa due o tre mesi prima dal lancio effettivo (ciò varia a seconda del publisher), dunque i titoli che verranno pubblicati da qui fino ai prossimi tre mesi saranno coinvolti da questa chiusura temporanea. Ciò riguarda anche le copie fisiche, ma bisogna tener conto che i publisher non mandano i loro titoli tutti nello stesso momento, dunque bisognerà vedere quali effetti sortirà, almeno in Sol Levante, sulle pubblicazioni.

Ciò non sfiora il PEGI che riguarda l’Europa, ma ciò non vuol dire che tale eventualità non potrebbe avere alcuna ripercussione anche sulla distribuzione nel nostro continente.

Fonte

Matteo Murri

Matteo Murri

Appassionato di videogiochi e anime sin da tenera età, il suo primo videogioco fu Super Mario 64 per Nintendo 64, col tempo si affezionò alle console di Sony partendo appunto dalla prima Playstation. Oggi è un cacciatore di trofei su Playstation 4, predilige gli sparatutto, i titoli di corse e i picchiaduro, ma gioca veramente di tutto!

Lascia un commento

Post Recenti